EMERGENZA CORONAVIRUS (ATTIVITÀ APERTE E CONSEGNE A DOMICILIO ) Segnalaci la tua attività Guarda tutte le attività
Italia | 17 Luglio 2021

Turismo in Italia: i principali laghi da visitare

Partendo da Nord e scendendo verso Sud, da Ovest ad Est, ecco una panoramica degli 8 laghi più belli d’Italia da visitare almeno una volta nella vita

Tempo medio di lettura: 5 minuti

Gli amanti delle vacanze immerse nella natura, tra paesaggi da cartolina, montagne pittoresche, acque limpide e cristalline, scogliere a picco e incantevoli borghi storici, non possono non scegliere di visitare i moltissimi laghi italiani. L’Italia conta oltre 1.500 laghi, la maggior parte dei quali sorge a settentrione.

Partendo da Nord e scendendo verso Sud, da Ovest ad Est, ecco una panoramica degli 8 laghi più belli d’Italia da visitare almeno una volta nella vita.

Lago Maggiore (Piemonte, Lombardia, Ticino)

Il Lago Maggiore o Verbano è il secondo lago italiano per estensione, con 212 chilometri quadrati di superficie, e il più grande dei laghi prealpini (motivo per cui si chiama “Maggiore”), secondo anche per profondità, con 370 metri nel suo punto maggiore, dopo il lago di Como. Sorge al confine tra Lombardia e Piemonte (nelle province di Varese, Novara e Verbano-Cusio-Ossola) e confina con la Svizzera, nel Canton Ticino; è, infatti, immissario ed emissario del fiume Ticino. Situato a 193 metri d’altezza, sulle Prealpi, vanta la lunghezza record di 64 chilometri. È caratterizzato dalle Isole Borromee, le più conosciute delle quali sono l’Isola Madre, la più grande, e l’Isola Bella.

Le magnifiche acque che lo dominano e l’incredibile atmosfera che si respira, lo hanno reso uno dei laghi più belli e visitati d’Italia. Si può esplorare il lago con la barca, piroscafi, battelli e catamarani, noleggiare canoe e pedalò o fare delle belle passeggiate a piedi o in bici, poiché vi sono moltissimi sentieri verdi che meritano di essere attraversati con calma. Da segnalare è una visita ad Arona, Verbania, Luino, Laveno, Locarno, Stresa e Pallanza, tra i paesini e le città più importanti che lo circondano.

È il luogo ideale per trascorrere una vacanza in famiglia o con un gruppo di amici, ma ne resterà estasiato anche il viaggiatore solitario. Sono moltissimi, infatti, i luoghi di interesse da esplorare, tra santuari, eremi, scorci e paesaggi deliziosi da ammirare.

Lago di Como (Lombardia)

Il Lago di Como, anticamente chiamato anche Lario, è il terzo più grande d’Italia, con una superficie di 145 chilometri quadrati, e uno dei più profondi in Europa (misura fino a 410 metri), eletto come lago più bello del mondo dall’Huffington Post Internazionale nel 2014.

Vanta la presenza di maestose ville storiche monumentali, location vacanziere di molti divi di Hollywood, abbazie, promontori, oasi naturali, costruzioni medievali e paesini fiabeschi che si riflettono nel blu intenso delle sue acque mozzafiato. La bellezza di questo lago è frutto di un ambiente prealpino dal fascino mediterraneo, meta turistica ideale per chi è alla ricerca di un relax che esuli dal tempo e dallo spazio.

Un’unica isola lo abita, l’Isola Comacina, non molto grande ma ricca di fascino e importanza storica, sede di alcuni siti designati nel Patrimonio Mondiale dell’UNESCO. Le città più famose situate lungo le rive del lago sono i capoluoghi Como e Lecco, ma una visita la meritano anche Cernobbio, Bellagio e Dongo.

Lago d’Iseo (Lombardia)

Restando in Lombardia, una tappa fondamentale del tour dei laghi più belli d’Italia è con certezza il Lago d’Iseo, detto anche Sebino, conosciuto e apprezzato anche perché è la culla della più grande isola lacustre naturale italiana, Monte Isola. È anche l’isola più alta d’Europa e sorge tra le province di Bergamo e Brescia. Arricchita da ville storiche, bagnata da acque calme, caratteristica per i molti mercatini dei borghi sulle sponde del lago, come il borgo Lovere, Monte Isola è particolarmente consigliata agli appassionati di bird watching, che potranno immergersi nella Riserva Naturale Torbiere del Sebino.

Lago di Garda (Lombardia, Veneto, Trentino-Alto Adige)

Il Lago di Garda è in cima alla classifica come lago più grande d’Italia, grazie ai suoi circa 370 chilometri quadrati di superficie, 346 metri di profondità massima (con 133 metri di media), lungo 52 chilometri e largo 16. Detto anche Benaco, conta 25 fiumi immissari e un solo emissario, il Mincio, e le sue coste confinano con Lombardia (provincia di Brescia), Veneto (provincia di Verona) e Trentino Alto Adige (provincia di Trento).

Tra le mete da non perdere per esplorarlo in tutta la sua bellezza e godere del suo clima ristoratore in ogni stagione, si consiglia di fare tappa, muovendosi via lago, alla Riva del Garda, sulla sponda trentina, a Limone sul Garda, toccando la sponda lombarda, e a Malcesine, su quella veneta, oltre che alla città di Sirmione, nota per la presenza delle fonti termali, e Tremosine, Desenzano, Peschiera, Malcesine, Riva, Salò.

Lago di Braies (Trentino-Alto Adige)

Il fascino alpino del Trentino-Alto Adige dona al Lago di Braies (in tedesco Pragser Wildsee) un’aura tipica dei laghi canadesi. Sorge ai piedi della Croda del Becco, la vetta più alta nella zona (2.810 metri), si immerge nella Val Pusteria ed è dominato dall’imponente parete delle Dolomiti di Braies. È uno dei laghi più turistici e più affascinanti, chiamato anche “La perla dei laghi dolomitici”.

Situato a circa 1.500 metri di altitudine sul livello del mare, nella Valle di Braies, appartenente alla Val Pusteria, poco distante dall’Austria, è il lago ideale per chi desidera organizzare delle escursioni, gite in montagna o passeggiate intorno al lago. È famosa l’escursione tra le Alte Vie delle Dolomiti, un tour di alcuni giorni con soste nei rifugi. Tra l’altro, il lago sorge all’interno del Parco Naturale Fanes-Sennes-Braies. In inverno è, inoltre, accessibile una piccola stazione sciistica con due piste.

L’acqua del lago di Braies è gelida tutto l’anno, motivo per cui il lago non è balneabile, ma sono molti i turisti più temerari che non aspettano altro che fare un bagno.
Nei moltissimi prati verdi che separano Braies dai villaggi vicini, si possono ammirare caprioli, cervi, camosci, stambecchi e altri animali autoctoni.

A causa del grande flusso di turisti che vuole visitarlo, e per tutelare la natura e rispettare le norme per contenere la diffusione del contagio da Covid-19, i visitatori possono accedere con numero limitato: dal 10 luglio al 10 settembre 2021, infatti, la Valle di Braies è visitabile dalle ore 9:30 alle 16:00, con i mezzi di trasporto pubblico, a piedi, in bici o prenotando un parcheggio o un permesso di passaggio.

Lago Trasimeno (Umbria)

Scendendo un po’ lungo gli Appennini, si raggiunge l’Umbria, terra del Lago Trasimeno. Ricco di antichissimi borghi, è caratterizzato da tre isolette: Isola Maggiore, l’unica abitata; Isola Minore, detta Isoletta, privata e disabitata, dove vive una colonia di cormorani; Isola Polvese, la più grande e parco scientifico-didattico. Vi è anche una quarta isola, Castiglione del Lago, divenuta un promontorio.

La prima visita la meritano i Castelli del lago, con le sue torri e rocche che faranno immergere il turista in un’atmosfera incantata e romantica al tramonto.

Il Lago Trasimeno sorge a nord dell’Umbria, nella provincia di Perugia (a 258 metri sul livello del mare), al confine con la Toscana e a sud del fiume Po ed è di origine alluvionale e tettonica, formatosi dopo i movimenti della crosta terrestre nelle zone occidentali umbre; originariamente, il bacino era più grande e comprendeva la Val di Chiana e i laghi di Montepulciano e Chiusi.

Lago dalla struttura laminare, con un’estensione contenuta di circa 128 chilometri quadrati, profondo appena 6 metri, il Trasimeno è il quarto lago italiano e non ha immissari naturali ma artificiali, come il più importante, quello dell’Anguillara, e un unico emissario, un canale sotterraneo in località San Savino che fa defluire l’acqua in eccesso verso il Tevere.

Lago di Bolsena (Lazio)

Il Lago di Bolsena è il più grande lago vulcanico d’Europa, con circa 114 chilometri quadrati di estensione. Sorge negli Appennini del Lazio, in provincia di Viterbo, a 305 metri di altezza sul livello del mare, nella zona dell’alta Tuscia, a pochi chilometri dal monte Amiata. Ospita due isole, la Bisentina e la Martana.

È un lago balneabile dall’ambiente incontaminato, ideale per gli appassionati di gite in kayak, per le immersioni (i fondali sono ricchissimi di piante subacquee e alghe), il parapendio e il turismo naturalistico, grazie alle sue coste basse e sabbiose, anche di colore nero. Ma c’è spazio pure per gli amanti della pesca, delle escursioni, delle gite a cavallo, del tiro con l’arco.

Si consiglia di visitare Bolsena, Montefiascone, Marta e Capodimonte.

Lago di Lesina e Varano (Puglia)

Il Laghi di Lesina e Varano sorgono tra il Tavoliere delle Puglie e il promontorio del Gargano. Le loro acque offrono una pesca abbondante, in particolare di anguille, luogo amato dagli appassionati della pesca.
È possibile rilassarsi nelle molte spiagge e restare affascinati dalle casette bianchissime, iconografia dei paesini tipici come Cagnano.

Nel lago di Lesina si trova la famosa Riserva Naturale Lago di Lesina, un’area naturale protetta situata nella parte orientale, in provincia di Foggia. Qui è attivo il Centro visite del Parco Nazionale del Gargano Laguna di Lesina, gestito dalla Lipu.

Il lago di Varano, infine, è il più grande bacino dell’Italia meridionale, caratteristico dall’acqua salmastra. La sua superficie è di circa 60,5 chilometri quadrati ed è il settimo lago della penisola.

Argomenti: ,

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127