EMERGENZA CORONAVIRUS (ATTIVITÀ APERTE E CONSEGNE A DOMICILIO ) Segnalaci la tua attività Guarda tutte le attività
Grantola | 1 Luglio 2021

Grantola, la comunità sorride: inaugurato il nuovo parco giochi inclusivo aperto a tutti

Grande soddisfazione dell'amministrazione e felicità nei volti dei bambini. Presenti la vicepresidente regionale Brianza e il presidente di Comunità Montana Castoldi

Tempo medio di lettura: 2 minuti

È stato inaugurato martedì sera, a Grantola, sotto un arcobaleno suggestivo e davanti a decine e decine di cittadini, come annunciato nello scorso dicembre, un nuovo parco giochi inclusivo, progettato dall’ingegner Tagliani, grazie ad un finanziamento regionale di 30mila euro, che è andato a coprire parte dell’investimento di circa 80mila euro stanziato dal Comune.

L’inaugurazione, oltre alla presenza del sindaco Adriano Boscardin e a quella di tutta l’amministrazione comunale, ha visto la presenza della vicepresidente di Regione Lombardia, Francesca Brianza, di autorità ed istituzioni del territorio, compreso il presidente della Comunità Montana Valli del Verbano, Simone Castoldi, e il parroco del paese, don Cristian Fattore, che ha dato la benedizione all’impianto.

La struttura, che si trova nei pressi del campo sportivo e della chiesa, è stata pensata perchè le barriere architettoniche potessero essere superate e la scelta di tutti i giochi completamente inclusivi regala la possibilità a chiunque di potersi divertire.

I giochi disponibili sono diversi: dalla classica altalena utilizzabile dai bambini più piccoli con difficoltà motorie, grazie ad un simpatico orsetto, alle molle, che con un comodo seggiolino permettono maggiore stabilità, senza dimenticare l’innovativo “salta-salta”, trampolino tanto amato da tutti i bambini. Il grande castello ricco di stimoli motori, che offre sia la possibilità di arrampicarsi che quella di riposarsi riscoprendo giochi come il tris. Tutta la pavimentazione, invece, è stata pensata per attutire le cadute.

“Vedere un parco giochi inclusivo come quello di Grantola – ha affermato la vicepresidente regionale, Francesca Brianza -, mi riempie d’orgoglio, perchè vuol dire che come Regione Lombardia stiamo lavorando ottimamente per garantire a tutti i bambini momenti di svago e divertimento, senza escludere nessuno. Un plauso va all’amministrazione comunale che ha reso possibile tutto questo”.

Dopo i ringraziamenti a maestranze, al vicesindaco Raffaele Napolitano, all’assessore Alice Castelli, al consigliere Franco Fera e ai dipendenti comunali, il sindaco Adriano Boscardin si è detto soddisfatto di “aver portato a compimento un altro punto del nostro programma elettorale. Grantola era sprovvista di un parco giochi e con questa opera sono convinto che abbiamo riqualificato una parte del territorio dalla grande valenza sociale, contribuendo a migliorare la qualità della vita, la crescita e la coesione della nostra comunità”.

“Sono certo – ha continuato il primo cittadino -, che questo parco potrà essere un importante punto di riferimento e di ritrovo per i nostri figli, dove potranno giocare e socializzare. Vedere questo entusiasmo da parte dei cittadini ci ripaga di tanta fatica, nelle grandi difficoltà che quotidianamente affrontiamo come amministratori, con pochi mezzi e le poche risorse a disposizione. Scorgere la gioia sul volto di questi bambini, ci dà la consapevolezza di aver regalato loro un pizzico di felicità. Per noi è una grande emozione”.

“Siamo molto soddisfatti come amministratori di aver potuto immaginare e realizzare uno dei primi parchi completamente inclusivi nella nostra valle – ha commentato l’assessore Alice Castelli -. Il gioco è modalità prediletta di apprendimento nei bambini, che scoprono la realtà attraverso l’imitazione, l’immaginazione e la fantasia”.

“Donar loro un luogo dove poter mettere alla prova le loro abilità, dove poter socializzare e divertirsi, è un obiettivo che ci ponevamo da tempo e siamo soddisfatti di poter dire di averlo raggiunto. La realtà del gioco è comune a tutti i bambini, indipendentemente dalla loro condizione fisica, psichica e sociale. E allora quale miglior luogo di un parco aperto a tutti e fruibile a tutti? L’augurio è quello che questo parco possa diventare un vero luogo di accoglienza, un luogo dove poter costruire legami di amicizia e umanità“, ha concluso Castelli.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127