EMERGENZA CORONAVIRUS (ATTIVITÀ APERTE E CONSEGNE A DOMICILIO ) Segnalaci la tua attività Guarda tutte le attività
Alto Varesotto | 27 Marzo 2021

Scuole, alcuni sindaci del Varesotto scrivono alle istituzioni: “I criteri di chiusura siano locali”

I primi cittadini di Besano, Cuveglio, Agra, Valganna e Duno, insieme ad altri amministratori della Regione, hanno inviato una lettera al Governo. Ecco il testo

Tempo medio di lettura: 3 minuti

Non accenna a placarsi il forte dibattito che verte intorno al tema delle scuole, con le ripetute chiusure dovute all’innalzamento dei contagi da coronavirus.

A sollevare le proteste nelle ultime settimane sono state soprattutto le famiglie e  le amministrazioni locali della Lombardia, con gli studenti degli istituti di ogni ordine e grado – scuole dell’infanzia comprese – costretti a seguire le lezioni unicamente tramite la didattica a distanza. Ciò ha spinto alcuni sindaci della regione a inviare una lettera al Governo.

Fra essi figurano i primi cittadini di Besano, Cuveglio, Agra, Valganna e Duno che, con le parole contenute nella missiva diretta al presidente del Consiglio e ai ministri dell’Istruzione, della Salute e delle Autonomie Regionali – oltre che al governatore Fontana e ai presidenti di ANCI e ANCI Lombardia – chiedono di “evitare chiusure generalizzate per zone, evidenziando come la soluzione sia la chiusura locale per focolai e non quella per Regione”.

Di seguito il testo integrale della lettera.

Gentilissimi, a distanza di un anno dall’inizio della pandemia in Italia, la nostra preoccupazione è rivolta fortemente ai nostri figli, ovvero coloro ai quali nessun ristoro e nessun provvedimento potrà restituire ciò di cui sono stati privati in questi mesi.

La chiusura delle scuole generalizzata per regioni e la DAD privano i bambini, soprattutto quelli frequentanti le scuole dell’infanzia e la primaria, della capacità di sviluppare relazioni e conoscenze fondamentali per la crescita nei primi anni di vita.

I Comuni, in collaborazione con le istituzioni scolastiche, a Settembre 2020 hanno messo in campo ogni azione volta al contenimento del contagio: controllo ingressi, mascherine, distanziamento dei banchi, modifiche delle metrature degli spazi scolastici, sanificazioni ecc, con la precisa intenzione di salvaguardare la frequentazione scolastica in presenza come investimento sulla crescita e sul futuro dei più piccoli.

Le famiglie, fortemente penalizzate dalla DAD, si trovano a dover lottare contro connessioni internet scarse, soprattutto nelle zone alpine e in alcune aree del Mezzogiorno, come anche recentemente denunciato dalla Associazione Nazionale Presidi, nonché a subire pesanti disagi nell’organizzazione della vita familiare e lavorativa. Ci permetterete di evidenziare la totale incoerenza di questa situazione rispetto a quanto raccomandato come norma di contenimento: di fatto obbligare i genitori che lavorano a far assistere il proprio figlio da una baby sitter o da un parente o amico, significa rompere la “bolla” familiare ed entrare in contatto con persone esterne al nucleo convivente. L’incoerenza è palese ed incomprensibile, visto e considerato che le scuole erano pensate per “bolle” con giusto criterio.

Evidenziamo anche la forte penalizzazione che si trovano a vivere le mamme, inevitabilmente più coinvolte degli uomini nel gestire i problemi familiari e lavorativi. I rilevamenti Istat evidenziano l’impatto della pandemia e delle misure di contenimento avuto dalle donne e in questo momento storico, in cui si tende ad impegnarsi per colmare la disparità di genere, questo aspetto rappresenta un enorme passo indietro verso questo obiettivo di giustizia per le donne.

I piccoli Comuni stanno vivendo oltremodo questa difficoltà poiché a scuola ci si reca prevalentemente a piedi o con i mezzi privati; non esiste sovraffollamento dei mezzi pubblici, né assembramento all’entrata o all’uscita da scuola, grazie al maggior controllo e al maggior senso civico che è particolarmente vivo nelle piccole realtà.

Evidenziamo inoltre come l’avanzamento della fase vaccinale per popolazione anziana e operatori scolastici già adesso dia una garanzia in più, unitamente a quanto detto in precedenza.

Capiamo il difficile momento e noi, insieme alle comunità che amministriamo, abbiamo fatto grandi sacrifici per rispettare quanto ci è stato chiesto al fine di tutelare l’incolumità pubblica, ed è per questo che, secondo noi, il criterio di massima da utilizzare per la chiusura delle scuole deve essere chirurgico, andando ad intervenire laddove si verifichi un innalzamento dei contagi, disponendo la quarantena delle singole classi o “bolle” e senza chiusure generalizzate che stanno penalizzando intere popolazioni scolastiche che non hanno quasi conosciuto il covid.

Siamo convinti che la Politica debba saper pesare e bilanciare le circostanze del momento con gli interessi futuri, per questo siamo fortemente preoccupati che le chiusure che si protraggono da quasi un anno possano creare gravi danni per la crescita emotiva, psicologica e culturale delle nuove generazioni, con danni incalcolabili per le famiglie e per la Nazione.

Chiediamo quindi la riapertura delle scuole, in particolare scuola dell’infanzia e primaria, lasciando alle autorità preposte locali, ovvero ATS e Prefettura, sentiti i Sindaci interessati, di valutare chiusure puntuali, tutelando quindi le realtà locali dove non vi sono contagi e focolai.

Con l’occasione porgiamo i nostri saluti e Vi auguriamo buon lavoro.

Leslie Giovanni MULAS – Sindaco di BESANO
Chiara CALATI – Sindaco di MAGENTA
Francesco PAGLIA – Sindaco di CUVEGLIO
Enrico VOLPI – Sindaco di CASTIGLIONE DELLE STIVIERE
Luca BAGLIONI – Sindaco di AGRA
Bruna JARDINI – Sindaco di VALGANNA
Davide TAMBORINI – Sindaco di MORNAGO
Marco DOLCE – Sindaco di DUNO

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127