EMERGENZA CORONAVIRUS (ATTIVITÀ APERTE E CONSEGNE A DOMICILIO ) Segnalaci la tua attività Guarda tutte le attività
Alto Varesotto | 23 Gennaio 2021

Alto Varesotto e zona rossa, “Non tutti i negozi di abbigliamento rispettano le regole”

La denuncia è stata fatta alla nostra redazione dalla responsabile di un altro negozio di abbigliamento. "Ci sono delle regole e bisogna rispettarle, ma non è così"

Tempo medio di lettura: < 1 minuto

La situazione nel nostro territorio, così come in tutta la Lombardia, è preoccupante a causa della zona rossa e dopo le polemiche tra Regione e Governo, è stato annunciato che da domani, domenica 23 gennaio, si tornerà in zona arancione.

Negli scorsi giorni, oltre le ambiguità del DPCM, numerosi negozi ed esercizi commerciali aperti permettevano ai cittadini di poter fare acquisti, ma solo per i locali e prodotti autorizzati. Non sempre, però, è andata così, visto che in alcuni casi diversi rivenditori, nonostante potessero rimanere aperti, hanno continuato a vendere al loro interno merci che non avrebbero potuto vendere.

Ed è questo il caso di un negozio asiatico dell’alto Varesotto, uno di quelli dove si possono acquistare prodotti di ogni tipo, quindi anche quelli di prima necessità, segnalato da una responsabile di un altro negozio della zona, che invece al suo interno vende solo abbigliamento.

“Negli scorsi giorni mi sono recata in questo negozio, perché mi avevano segnalato si potesse comprare di tutto, sebbene ci siano delle restrizioni, anche l’abbigliamento per donna – commenta la donna -. Ci sono delle regole e bisogna rispettarle, ma non è così dappertutto. Dipende da ogni singolo esercente. Ci sono dei prodotti che non devono essere venduti, quindi come avveniva durante la prima ondata sarebbe doveroso venissero limitati gli acquisti”.

Credo siano necessari più controlli perché tutti siamo in grande difficoltà, qualcuno ha chiuso anche, ma non è possibile che questo avvenga”, conclude.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127