Società | 11 Settembre 2020

Come scegliere il proprio conto corrente aziendale

Prima di scegliere il conto corrente aziendale online, diventa molto utile dare un’occhiata ai portali specializzati nell’esame dei conti correnti aziendali

Tempo medio di lettura: 3 minuti

La scelta della migliore offerta di conto corrente per la propria azienda, per un singolo imprenditore o per un libero professionista non è un’impresa facile. Questo perché sul mercato sono disponibili diversi prodotti, che nascono dalla concorrenza che le diverse banche si fanno in questo settore di mercato: si tratta in ogni caso di ottimi prodotti, tanto che diventa difficile scegliere il più adatto per le proprie esigenze.

Bisogna infatti considerare che per un’azienda, sia essa piccola o grande, il proprio conto corrente rappresenta il punto cardine a cui fare riferimento per gestire il capitale e i flussi di pagamento, senza considerare gli eventuali investimenti che possono essere effettuati. Questo strumento deve permettere anche di pagare tutti i costi fissi periodici, come gli stipendi dei dipendenti, le tasse e le utenze dell’azienda.

Visto in quest’ottica il conto corrente aziendale non è solo uno strumento ma un partner importante nello svolgere l’attività di impresa, anche quando si voglia accedere a fondi di investimento dedicati all’impresa stessa.

Quindi, prima di scegliere il conto corrente aziendale online, diventa molto utile dare un’occhiata ai portali specializzati nell’esame dei conti correnti aziendali. Utilizzando questi portali, possiamo infatti capire quali sono le caratteristiche più importanti dei diversi conti correnti online studiati per le imprese, confrontando in modo semplice i costi di gestione dei vari conti e arrivando in questo modo a decidere in maniera più consapevole.

Le caratteristiche più importanti di un conto corrente aziendale

Allo stato attuale, quasi tutti i conti correnti aziendali possono essere gestiti con un sistema di home banking, utilizzando un personal computer oppure un device mobile come smartphone e tablet e un’app dedicata, che viene normalmente installata all’apertura del conto. Si tratta ovviamente di un vantaggio importante, perché permette una gestione più semplice del costo e, allo stesso tempo, di ridurre i costi di gestione.

Bisogna sempre ricordare che si tratta di un conto dedicato a un uso di tipo professionale, e che quindi dovremmo sempre fare riferimento a un istituto di credito che offra delle garanzie di sicurezza e affidabilità. Inoltre dovrebbe disporre di un ufficio che si possa raggiungere facilmente oppure metta a disposizione un consulente, che è importante sia per la risoluzione di problemi che per la richiesta di informazioni.

Sempre tenendo conto delle nostre esigenze e di quelle dell’azienda, potremmo scegliere un conto che comprenda nei costi anche una o più carte di credito, che ci permetta poi di effettuare prelievi e pagamenti in valuta estera, e che disponga di tutti gli strumenti di home banking. Il primo step rimane quello di verificare qual è il costo del canone, se sia annuale o mensile e se siano previste spese aggiuntive.

Partiamo dal fatto che un conto corrente aziendale deve comprendere tutta una serie di serie di servizi di base: in primo luogo la possibilità di utilizzare le carte di credito senza ulteriori costi, poi quella di effettuare prelievi gratis sia in Italia sia all’estero, la presenza di un’app che permette di gestire tutto il conto corrente e di effettuare ogni operazione, oltre all’offerta di funzioni innovative, come può essere la possibilità di emettere fatture digitali e di effettuare pagamenti periodici (come utenze o stipendi).

In caso di aziende di grandi dimensioni o di aziende che abbiano comunque rapporti con l’estero è importante poter operare con valute estere. Spesso queste aziende hanno bisogno di un fido importante e quindi in questo caso è meglio sempre rivolgersi a una banca che offra un buon servizio di assistenza (anche online) sia un servizio di consulenza da parte di un professionista esperto.

Nel panorama attuale quasi tutti i conti correnti, compresi quelle destinati ad aziende, imprenditori o liberi professionisti, prevede un’offerta a canone zero. In alcuni casi c’è la possibilità di scegliere fra un servizio base a canone zero oppure a un servizio premium con maggior funzioni.

Bisogna considerare però che, almeno nella maggior parte dei casi, non è il canone a rappresentare la spesa maggiore in un conto corrente. Quindi, prima di effettuare una scelta, è sempre bene controllare tutti i costi relativi alle varie operazioni, come bonifici, pagamenti delle utenze e degli stipendi, prelievi, a cui vanno sommati i costi di imposte, bollo ed eventuale invio di estratti conto tramite posta.

Scegliere un conto corrente online ha il vantaggio di diminuire se non azzerare questi costi: anche se rimane sempre importante potersi rapportare con un ufficio oppure con un servizio clienti che sia sempre affidabile.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127