EMERGENZA CORONAVIRUS (ATTIVITÀ APERTE E CONSEGNE A DOMICILIO ) Segnalaci la tua attività Guarda tutte le attività
Milano | 7 Maggio 2020

Agriturismi, Regione: asporto e servizio a domicilio anche nel post emergenza

In Lombardia ci sono 1688 strutture, delle quali 90 in provincia di Varese. Rolfi: "A breve via libera definitivo. Settore duramente colpito, abbattiamo burocrazia"

Tempo medio di lettura: 2 minuti

“Consentiremo agli agriturismi di effettuare il servizio d’asporto e la consegna a domicilio come servizio stabile e faremo altri interventi anti burocrazia per dare respiro al settore. Le modifiche saranno inserite in legge nei prossimi giorni. Le 1.700 strutture della Lombardia [n.d.r. 90 in provincia di Varese] necessitano di semplificazione per scongiurare la chiusura. Vogliamo assecondare le esigenze di queste attività agricole che fungono da ambasciatori dell’agroalimentare e del territorio della nostra regione”. Lo ha detto l’assessore all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi, Fabio Rolfi, in merito agli interventi regionali in favore degli agriturismi che saranno definitivi in seguito all’approvazione da parte del Consiglio regionale.

La Regione Lombardia introdurrà la possibilità per l’azienda di preparare pasti, oltre che per il consumo sul posto, anche da asporto e con consegna a domicilio. Sarà consentito inoltre somministrare pasti, nel limite di venti giornate all’anno, anche nei giorni di apertura non previsti dal certificato di connessione, per esempio le festività infrasettimanali.

La legge regionale prevede che negli agriturismi siano serviti prodotti provenienti dal territorio lombardo in misura superiore o uguale all’80% del totale. Per allentare il rigore senza contravvenire allo spirito della legge sarà possibile far rientrare in questo parametro i prodotti lombardi con marchio Dop, Igp, Igt, Doc e Docg provenienti anche non direttamente da aziende agricole, visto che la loro territorialità è già certificata.

“Il settore degli agriturismi – ha sottolineato l’assessore – è stato tra i più colpiti dagli effetti economici del Coronavirus. Senza un intervento deciso ci saranno criticità anche nei prossimi mesi“. “Per questo la Regione Lombardia – ha aggiunto – vuole modificare la norma al fine di sburocratizzare il sistema in maniera strutturale e non solo per la fase emergenziale”.

“Nella fase acuta del problema – ha ricordato – abbiamo consentito le consegne a domicilio dei prodotti, garantendo ovviamente la tutela della sicurezza delle persone. Questo però non può bastare nei prossimi mesi“. “Sarà una sfida per tutti – ha concluso l’assessore Rolfi – rilanciare l’agroalimentare come un portabandiera della ‘nuova normalità’“.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127