Alto Varesotto | 23 Marzo 2020

Coronavirus, come ci si sposta per fare la spesa? Tutti i chiarimenti definitivi

Le risposte ad uno dei quesiti più dibattuti dall'entrata in vigore delle ultime misure restrittive. Nessun obbligo ma diverse condizioni da rispettare, ecco quali

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Ridurre gli spostamenti al minimo indispensabile: rimane questo il criterio che disciplina le attività svolte lontano dal proprio domicilio, anche dopo l’entrata in vigore della nuova ordinanza firmata dai ministri Lamorgese e Speranza.

Il principio che dall’inizio dell’emergenza Covid-19 impone a tutti gli italiani di allontanarsi il meno possibile da casa, e di farlo soltanto per ragioni strettamente necessarie, motivi lavorativi ed esigenze sanitarie indifferibili, continua tuttavia a generare dubbi anche in merito al provvedimento sopracitato, il più recente in ordine cronologico, in particolare per quanto concerne il divieto ad uscire dal comune in cui si risiede, connesso all’esigenza di recasi presso un supermercato o un negozio di alimentari.

E’ obbligatorio fare la spesa nel proprio comune o è possibile farla anche nel comune limitrofo? Sono numerosi i cittadini che ancora rilanciano l’interrogativo, il quale rimane tra i temi più dibattuti sui gruppi Facebook legati alla realtà luinese e più in generale ai paesi dell’alto Varesotto, dove peraltro tante piccole comunità sorgono a diversi chilometri di distanza dai luoghi in cui le persone generalmente si riforniscono.

La risposta è no, ma si deve comunque fare la spesa nel posto più vicino possibile a casa o, per chi non lavora da casa, al luogo di lavoro. Il chiarimento definitivo arriva direttamente dal sito web del Governo, dove si legge quanto riportiamo di seguito.

– Si deve sempre rispettare rigorosamente la distanza tra le persone negli spostamenti, all’entrata, all’uscita e all’interno dei punti vendita.

– Per questa ragione la spesa è fatta di regola nel proprio comune, dal momento che questo dovrebbe garantire la riduzione degli spostamenti.

– Qualora ciò non sia possibile (ad esempio perché il comune non ha punti vendita), o sia necessario acquistare con urgenza un bene non reperibile nel comune di residenza o domicilio, o ancora il punto vendita più vicino a casa propria si trovi effettivamente nel comune limitrofo, lo spostamento è consentito solo entro tali stretti limiti, che dovranno essere autocertificati.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127