Cuveglio | 14 Gennaio 2020

“Il pane nella credenza”, a Cuveglio la presentazione del libro di Raffaella Mattana

Si terrà venerdì 17 gennaio alle ore 21, alla Sala Polivalente del paese, la presentazione del libro di Raffaella Mattana, con interventi a cura di Sergio Melchiorre

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Nuovo evento in programma a Cuveglio per la serata di venerdì 17 gennaio, organizzato dalla LILT in collaborazione con il Comune di Cuveglio, che unisce cultura e solidarietà. L’appuntamento è per la serata di venerdì 17 gennaio, quando dalle ore 21, presso la Sala Polivalente di piazza Marconi 1, è prevista la presentazione del libro di racconti brevi dal titolo “Il pane nella credenza”, di Raffaella Mattana.

Raffaella Mattana è nata a Luino nel 1971 , per lei la scrittura rappresenta una passione fin dalla infanzia. Ama scrivere di getto, su Facebook, perché come racconta lei stessa: “Scrivere è come dipingere, si fa nel momento in cui si ha l’estro, senza pensarci troppo. Il pittore fissa con colori e forme il suo pensiero su una tela, io fisso i ricordi su un piccolo schermo del telefonino e invio. Condivido virtualmente un ricordo con gli amici di infanzia e con chi ha voglia di sentire storie, leggende e racconti, molti dei quali sulla Valcuvia. Mi piace pensare di essere una “ricordatrice di ricordi“.

“Amo far rivivere chi ha saputo tramandarmi oralmente le avventure della propria vita, in particolare le mie nonne Angela e Apollonia, ma anche svariati anziani di Arcumeggia o di Cuveglio. Raccontare per me, è smuovere nella mia anima le sensazioni che quando ero piccina non sapevo ben identificare, ma che adesso hanno preso corpo. Mi piace condividerle ed emozionare. Ho partecipato a due concorsi letterari e sono stata selezionata. Il primo si intitola: “La pulonia”, in racconti Lombardi di Historica edizioni, l’altro “Fate e gnomi”, in racconti d’estate, sempre di Historica edizioni. Questo mio libro si intitola invece “Il pane nella credenza”” di Libri Tasca Edizioni, Antonio Rizzo editore”, conclude Raffaella.

L’autrice in questo libro descrive i ricordi della fanciullezza che affollano e si accavallano nella sua mente. Racconta una società priva di televisione, dove gli anziani del paese narravano ai bambini storie di fate, streghe e personaggi vari frutto della loro fervida fantasia. Il dialetto lombardo impreziosisce i ricordi di un passato scomparso nei meandri dei rimpianti, i dialoghi sono lineari e coinvolgenti. Ricordi racchiusi nella sfera affettiva familiare che li custodisce e li protegge amorevolmente dalle contaminazioni esterne perché, come essa scrive, “correvamo liberi come le rondini a primavera”.

Durante la serata ci saranno interventi a cura del professor Sergio Melchiorre, la voce narrante sarà Walter Longobardi e la musica sarà a cura di Mauro Guarneri. Anche questo evento si inserisce nel quadro di iniziative promosse per sostenere lo sportello locale di LILT, parte del ricavato infatti sarà devoluto alladelegazione della Valcuvia della Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127