EMERGENZA CORONAVIRUS (ATTIVITÀ APERTE E CONSEGNE A DOMICILIO ) Segnalaci la tua attività Guarda tutte le attività
Laveno Mombello | 18 Novembre 2019

Laveno Mombello, la pioggia allaga il PalaPradaccio: “I problemi arrivano da lontano”

Critico il sindaco Ielmini a causa dei diversi precedenti. Negli ultimi giorni il disagio ha colpito varie squadre locali: "Continueremo a intervenire se necessario"

Tempo medio di lettura: 2 minuti

La pioggia battente del weekend, che su molti campi di calcio del territorio ha impedito alle squadre di disputare i rispettivi impegni, ha colpito anche una struttura al coperto impiegata settimanalmente da diverse società di Laveno Mombello, obbligate a correre ai ripari per non perdere gli appuntamenti in programma, alcuni dei quali però sono comunque stati irrimediabilmente posticipati.

Si tratta del PalaPradaccio, struttura gestita dalla società partecipata del Comune – la stessa che gestisce le farmacie del paese – parzialmente allagato a causa di una problematica al tetto, che ha reso impraticabili alcuni spazi di gioco. Tra gli atleti toccati dal disagio ci sono anche quelli della Pallacanestro Laveno e del Calcio a Cinque Laveno. Alcuni team sono stati obbligati a spostare i rispettivi impegni altrove, mentre altri hanno provato a salvare la praticabilità del campo intervenendo sulle parti allagate.

L’episodio non ha lasciato indifferente l’amministrazione comunale, subito intervenuta per limitare il protrarsi della problematica e consentire dunque alle società lacustri di riprendere al più presto, e con regolarità, gli allenamenti. Gli interventi manutentivi si svolgeranno quindi nei prossimi giorni, ma quanto successo ha lasciato più di una perplessità al sindaco Ercole Ielmini, consapevole della situazione della struttura e dei suoi precedenti.

E’ imbarazzante dover intervenire a soli sei anni di distanza dall’inaugurazione – ha spiegato Ielmini -. Per giunta non è neanche la prima volta che ci segnalano queste criticità. Siamo già intervenuti alcune volte in passato, e continueremo a farlo quando sarà necessario, ma non ci possiamo permettere interventi più ingenti. Sulle casse comunali, infatti, pesa un mutuo di un milione di euro. Sarebbe stato opportuno, da parte della passata amministrazione, controllare maggiormente e con più verifiche i lavori, e non arrivare a sei anni di distanza in queste condizioni, con le società sportive che sono costrette ad annullare, sportare o rinviare le loro partite a causa dell’acqua che entra dal tetto, o a causa delle infiltrazioni che hanno comportato anche problemi alla pavimentazione”.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127