Cuveglio | 28 Agosto 2019

Cuveglio: meno fondi alla materna, problemi con il doposcuola. Il Comune incontra i genitori

A causa del taglio dei fondi regionali, l'amministrazione comunale sta studiando un piano per andare incontro alle esigenze di tutti i genitori e scuola

Tempo medio di lettura: 2 minuti

A causa di alcuni tagli ai contributi regionali, che coinvolgeranno anche la scuola materna di Cuveglio,  l’amministrazione Paglia sta provando ad intervenire, provando a porre rimedio alle criticità emerse riguardanti il doposcuola, per andare incontro alle esigenze dei genitori che hanno iscritto i loro figli per il prossimo anno.

La problematica è arrivata in questi giorni alle famiglie, in totale sono interessati sei bambini, e la situazione è ora oggetto di studio ed analisi da parte dell’assessore alla Cultura, Marco Bonvicini, del sindaco Francesco Paglia e degli uffici competenti, che vogliono garantire il servizio senza aumentare i costi della retta.

Il servizio di pre e doposcuola alla scuola materna ha preso il via lo scorso anno in due fasce orarie, dalle 7.30 alle 9 e dalle 16 alle 18, con la copertura a carico delle maestre e con un costo pari a zero per i genitori. Lo scorso anno i fondi arrivati per i bambini da 0 a sei anni sono stati suddivisi tra l’asilo nido e la scuola materna. Per quest’ultima gli stanziamenti sono stati garantiti per il corso di inglese, alcune attrezzature e giochi, la loro manutenzione e, in particolare, per il doposcuola.

“Da questo quadro partiamo a formulare una nostra proposta – commenta il sindaco Francesco Paglia -. Oggi Regione finanzia direttamente l’asilo, con fondi destinati alla Comunità Montana che gestisce la struttura. Per l’asilo, invece, rimangono 10-11 mila euro, che saranno suddivisi tra il corso di inglese, alcuni materassi e giochi, già in programma di essere acquistati e il doposcuola, che al momento è un nodo da sciogliere”.

“L’assessore Bonvicini – continua Paglia -, insieme alla direzione didattica e alle maestre sta mettendo a fuoco le ipotesi di lavoro. Per questa ragione lunedì prossimo ci sarà un incontro con i genitori e la cooperativa ‘Bosco Verde’ che gestisce l’asilo. L’obiettivo è quello di risolvere il problema, utilizzando fondi comunali o la parte restante di quelli regionali. Ragioneremo insieme su quanto stanziare, per garantire ai genitori lo stesso esborso”.

Da quanto si è appreso, infatti, dato l’esiguo numero di bambini, se alle 16 ci sarà un’educatrice a prendersi cura dei piccoli alunni, dalle 17 alle 18 l’idea pare essere quella di portare i sei bambini presso la scuola primaria, insieme ai compagni più grandi, dove saranno seguiti da una maestra delle elementari. “In totale si tratta di dodici piccolini, quindi dovremmo risolvere ogni problema”, conclude Paglia.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127