Varese | 25 Giugno 2019

Giornata Internazionale contro abuso e traffico di droga, arriva un servizio dedicato ai più giovani

Il SerD della ASST Sette Laghi ricorda l’attivazione di “Con-t@tto”, Centro dedicato ai ragazzi minorenni e sotto i 21 anni che usano cannabinoidi e alle loro famiglie

Tempo medio di lettura: 4 minuti

In occasione della Giornata Internazionale contro l’abuso e il traffico illecito di stupefacenti, che cade il 26 giugno, si ricorda che il Servizio di Prevenzione e Cura delle Dipendenze (SerD) della ASST Sette Laghi ha attivato Con-t@tto, il Centro Dipendenze Giovanili dedicato ai minori e ai giovani fino ai 21 anni per gestire al meglio le situazioni di sperimentazione, uso e abuso di Cannabinoidi.

Con-t@tto è un luogo dove il giovane e la sua famiglia possono ricevere informazioni, avviare una diagnosi precoce e ottenere interventi psicologici, educativi, sociali e sanitari effettuati da operatori specialisti. Al Centro possono rivolgersi anche operatori e Servizi della rete territoriali coinvolti in situazioni riguardanti ragazzi sotto i 21 anni.

Negli ultimi 5 anni (il Servizio è attivo dal 2009) Con-t@tto / Centro Dipendenze Giovanili ha preso in carico una media di 130 adolescenti l’anno assicurando assistenza anche alle loro famiglie.

La cannabis si conferma la sostanza psicoattiva illegale più diffusa – afferma Claudio Tosetto, responsabile del Servizio Dipendenze (SerD) dell’ASST Sette Laghi, afferente al Dipartimento di salute mentale guidato dal dottor Isidoro Cioffi – Quasi un terzo dei 15-19enni, l’ha utilizzata almeno una volta nella vita”.

Gli operatori del SerD, grazie alla loro professionalità ed esperienza, hanno cercato di sintetizzare la situazione relativa all’abuso di cannabinoidi nel nostro territorio, analizzando le dinamiche che lo favoriscono e gli atteggiamenti che possono contrastarlo.

“Al di là dei numeri e dei meri aspetti sanitari – continua Tosetto – cioè che i cannabinoidi in sé siano nocivi all’organismo umano, soprattutto se in crescita come quello degli adolescenti, un dato assodato da tutta la letteratura scientifica, la discussione attorno alla liceità o meno dell’uso di cannabinoidi va inserito secondo noi in una più ampia riflessione di tipo educativo. Si è passati da una famiglia con regole, normativa, ad una famiglia promotrice delle capacità individuali dei figli, del lasciar fare, del dare sempre ragione. Questa crescita così tutelata aumenta il rischio di aspettative ed idealizzazioni rispetto al sé molto elevate che in adolescenza diventano problematiche soprattutto in una società come la nostra sempre più competitiva.

Questo atteggiamento educativo della famiglia si modifica notevolmente in adolescenza e, di fronte ai cambiamenti dei figli, alle loro incertezze, alle loro difficoltà gli adulti tornano a modelli educativi del passato, arretrano di fronte alle difficoltà della relazione e tornano a paradigmi rigidi del passato. Gli adolescenti rimangono spiazzati da questo tipo di atteggiamento ed ancora più confusi nel loro percorso evolutivo.

La scienza ci ha anche spiegato che ci sono basi neurologiche che portano gli adolescenti a funzionare in un certo modo. Possiamo essere censori e autoritari, ma la loro corteccia prefrontale non è ancora completamente sviluppata e questo li porta a compiere azioni che nel migliore dei casi sono inadeguate, nel peggiore pericolose. L’uso di sostanze spesso si colloca per l’adolescente all’interno di un bisogno specifico di sperimentazione, di tentativi di autonomia, di una specifica esigenza evolutiva. In particolare, con l’adolescente che sperimenta l’uso di cannabis, è necessario che i genitori si facciano carico di una riflessione che non porti alla mera delega ai Servizi specialistici. I Servizi sicuramente possono aiutare in merito ad alcuni aspetti ma non potranno mai sostituire la significativa narrazione educativa che esiste in quel nucleo familiare.

È importante quindi che i genitori conoscano la cannabis e i suoi effetti, consultando siti web scientifici o rivolgendosi per una consulenza presso i Servizi di Prevenzione e Cura delle Dipendenze. Di fondamentale importanza è osservare il comportamento del proprio figlio. Ci sono stati cambiamenti nello stile di vita? (rendimento scolastico, frequentazione di uno sport, cambi di umore ecc.). Questo per capire se l’uso di cannabis è la risposta ad un grave disagio oppure è una fase di passaggio, un uso sporadico per adeguarsi al gruppo dei coetanei, un modo di esprimersi. In caso di uso sporadico è fondamentale prestare attenzione senza demonizzare la situazione, aprendo una comunicazione col proprio figlio finalizzata alla comprensione, ma anche alla definizione di regole e paletti, consultandosi se necessario con esperti. Nel caso invece in cui l’uso è costante, è fondamentale chiedere aiuto agli specialisti per intervenire e curare. Altrettanto importante è parlare e anche parlarne, affrontare l’argomento con il proprio figlio. La cannabis è dannosa, va dichiarato e non bisogna lasciare spazio all’ambivalenza!

Focalizzarsi però soltanto sulla dannosità dell’uso di cannabis rischia di creare chiusure ed incomprensioni. È quindi importante lasciare spazio al malessere evidente che si osserva (tristezza, rabbia, chiusura   relazionale, inadeguatezza) ed alla possibilità di trovare strade da percorrere insieme. Occorre evitare di mettere in discussione il figlio come persona. Il suo è un comportamento sbagliato, lui non è sbagliato ed insieme si potrebbe capire qual è l’atteggiamento giusto e corrispondente ai suoi bisogni. Questo permette di mantenere una relazione che diventa la vera risorsa in un percorso di cura. Un figlio che manifesta un comportamento di uso di sostanze sta chiedendo qualcosa. Proviamo a capire che cosa chiede e mettiamoci in discussione (evitando il meccanismo del senso di colpa che non aiuta nessuno).

Gli adolescenti hanno bisogno di vedere chiarezza e coerenza negli adulti che sono al loro fianco. E anche di vedere che di fronte alle difficoltà ci sono strade da seguire, strategie di buona vita, di vita sana.”

Il Centro Dipendenze Giovanili (Con-t@tto) è parte del SerD, che afferisce al Dipartimento di Salute Mentale e Dipendenze dell’ASST Sette Laghi e si occupa di: problematiche correlate con comportamenti di rischio di entrare in contatto con sostanze stupefacenti o comportamenti di dipendenza; sperimentazione e/o uso esperienziale di sostanze ad azione psicotropa lecite e/o illecite; abuso o dipendenza da sostanze ad azione psicotropa lecite e/o illecite, dipendenze comportamentali (gioco d’azzardo, uso patologico delle tecnologie digitali, dipendenze affettive, ecc.).

Nel centro operano medici, infermieri, assistenti sociali, psicologi, educatori professionali che lavorano in équipe multidisciplinare e garantiscono il raccordo di rete con tutti i servizi territoriali e con il privato sociale. Attraverso l’inquadramento diagnostico sull’uso di sostanze, vengono valutate le condizioni di salute, i fattori protettivi e di esposizione al rischio e le eventuali aree di fragilità del giovane e del nucleo familiare.

Le proposte di trattamento sono: counselling e sostegno psicologico, psicoterapia breve, monitoraggio sanitario, intervento sociale, supporto/tutoraggio educativo, attività educative e psicologiche di gruppo e consulenza familiare.

Si accede a Con-t@tto telefonando dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 15 al numero verde 800 018280. Il Servizio è aperto al pubblico il martedì e il giovedì dalle 14.30 alle 17 e si trova a Varese in Via O. Rossi 9 nell’area dell’ex Ospedale Psichiatrico Provinciale primo piano dell’Edificio 10 (Padiglione Mensa).

 

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127