Luino | 6 Maggio 2019

Valli del Verbano, “Al via progetto per sviluppare il territorio insieme alla comunità”

È l'assessore all’Ecologia e Turismo Ballardin a lanciare il progetto: "Gruppi di lavoro per l' attivazione dei processi di natura economica, ecologica e sociale"

Tempo medio di lettura: 3 minuti

Dopo il convegno che si è tenuto il 5 aprile Villa De Angeli Frua a Laveno Mombello, la Comunità Montana Valli del Verbano (CMVV) prosegue il suo percorso definendo un nuovo incontro, presso la propria sede, per dare corso al processo di sviluppo che veda protagonisti tutti i portatori di interesse del territorio coalizzati intorno all’Istituzione pubblica locale.

La presenza di molteplici rappresentanze di categoria e l’attiva partecipazione al dibattito durante l’incontro di venerdì 3 maggio testimonia il sentito interesse per la definizione di un nuovo modello di sviluppo e crescita del territorio.

Gli ambiti di azione, emersi e condivisi dalla platea sono stati: rafforzamento dell’economia locale nei suoi vari comparti; percorsi orientati ad una analisi di contesto che permetta di creare nuove opportunità di lavoro, tenendo conto anche delle dinamiche transfrontaliere; accrescimento della qualità di vita dei residenti secondo le logiche del welfare territoriale.

La necessità di favorire ulteriori forme di integrazione del territorio, attraverso lo sviluppo di sinergie d’ambito, rimane un punto fondamentale per la realizzazione degli stessi. Questa fase progettuale parte proprio dalla capacità che ogni soggetto ha di leggere la condizione territoriale e di maturare una consapevolezza condivisa degli elementi che costituiscono oggi le risorse comuni.

Tutto questo per arrivare, nel proseguo dei prossimi lavori, alla definizione di chiavi interpretative unitarie necessarie alla costruzione di percorsi di crescita del territorio e di attivazione dei processi di natura economica, ecologica e sociale quale alternativa al progressivo impoverimento della condizione attuale.

La CMVV svilupperà questo percorso attraverso la costituzione di gruppi di lavoro (“laboratori territoriali”), che avranno il compito di concorrere alla formulazione di un “Manifesto programmatico” curandone sia gli aspetti politici, con un coinvolgimento dei comuni facenti parte la Comunità Montana, sia gli aspetti più tecnici, con un coinvolgimento degli operatori sociali ed economici.

“A nostro avviso – spiega l’assessore all’Ecologia e Turismo della CMVV, Gianpietro Ballardin – è indispensabile che gli enti, le amministrazioni pubbliche, le organizzazioni collettive, le categorie economiche e tutti i portatori di interessi territoriali partecipino attivamente all’elaborazione di un progetto per disegnare un piano programmatico condiviso articolato per settori e per tempi di sviluppo, legittimato nelle sue concrete possibilità di riuscita”.

“Il progetto che assieme dobbiamo costruire deve essere in grado di delineare una visione per i prossimi anni e di dettare un’agenda operativa e di sistema capace di ‘trapassare i singoli cicli politico-elettorali’ – continua Ballardin -, attraverso misure pluriennali capaci di impegnare tutti gli attori in un percorso di prospettiva condivisa, ragionata sulla condizione complessiva e di necessità del territorio, non più nella condizione esclusiva di un singolo soggetto politico”.

L’intero progetto ha una forte valenza politica e tecnica. Proprio per questo motivo impone alla CMVV l’assunzione di un ruolo di responsabilità, quale soggetto di secondo livello, capace di avere una visione progettuale di più ampio respiro rispetto ai Comuni partecipanti e agli altri stakeholder del territorio.

La CMVV deve essere capace di governare, aggregare, indirizzare i processi di sviluppo e di crescita del territorio comunitario – dichiara Ballardin -nella convinzione che senza questa capacità di ruolo, senza questa condizione, la negatività di una situazione determinerà gravi e forse irreparabili danni all’ambiente ed alla condizione delle persone che siamo chiamati, nell’esercizio della nostra funzione, a rappresentare”.

Per sviluppare questo complesso processo operativo, la Giunta della Comunità si avvale di Irecoop Alto Adige-Südtirol, ente di ricerca e formazione che ha tra i propri partners le Università di Trento e di Bolzano. “La storia, le peculiarità e la caratterizzazione della realtà Trentina e Sudtirolese, a cui ci siamo rivolti, può supportare la nostra azione nella costruzione di un modello di sviluppo sostenibile che sia confacente con le necessità del territorio e può consentirci di trarre spunti concreti e di utile operatività nei percorsi di costruzione del nostro modello di sviluppo”, afferma ancora Ballardin.

In questa azione di contesto la Regione Lombardia, la Provincia, le Fondazioni, la Comunità Europea rappresentano una necessaria e indispensabile risorsa per concretizzare, supportare e sviluppare il piano di sviluppo partecipato e governato dagli enti istituzionali territoriali. “A conclusione di questo primo importante dibattito – dice infine Ballardin -, il gruppo di lavoro ha concordato un proseguo dei lavori nel primo periodo del mese di giugno con l’impegno della CMVV all’invio della documentazione presentata e alla stesura di un questionario che ha il compito di recuperare idee, proposte, suggerimenti per arrivare a quell’incontro attraverso una prima stesura di un documento programmatico quale utile strumento di prosecuzione di una concreta proposta progettuale”.

Possiamo finalmente dire: ‘Abbiamo iniziato’. In un tempo di cambiamenti epocali come il nostro è necessario prestare attenzione e costruire una visione del futuro progettando insieme lo sviluppo del nostro tempo capace di dare una positiva risposta alla preoccupante condizione di decrescita. Il nuovo percorso deve operare in una logica di sistema, capace di aggregare e di produrre una logica condivisa, includendo quindi tutte le persone che ‘Amano il nostro territorio’. Ed è per questo motivo che invitiamo tutti coloro che sono interessati al progetto a contattare la CMVV (0332 505001 int.100 Stefania Pozzi), perché siamo conviti che il loro coinvolgimento porterà alla creazione di quella necessaria combinazione di elementi che sappiano sviluppare un segno distintivo, di valore e di attrazione ad esclusivo vantaggio del nostro bellissimo territorio”, conclude l’assessore Ballardin.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127