Canton Ticino | 18 Febbraio 2019

Pattuglie miste tra Svizzera e Italia, il territorio luinese coinvolto per la sperimentazione

Siglato oggi l'accordo tra Svizzera e Italia per l’attuazione di una cooperazione transfrontaliera: l’obiettivo è la lotta alla migrazione illegale

Tempo medio di lettura: < 1 minuto

L’Amministrazione federale delle dogane e la Polizia di Frontiera italiana hanno siglato oggi un protocollo operativo per l’attuazione di una cooperazione transfrontaliera, attraverso la predisposizione di servizi di pattugliamento misto finalizzati alla prevenzione e al contrasto alla migrazione illegale nell’area transfrontaliera. In Italia i territori che saranno coinvolti per questa nuova sperimentazione saranno, dalle prossime settimane, quelli della Polizia di Frontiera di Luino e di Ponte-Chiasso.

Tenuto conto dell’accordo sulla cooperazione di Polizia e Doganale tra il Consiglio Federale Svizzero e il Governo della Repubblica Italiana, entrato in vigore il primo novembre 2016 e della dichiarazione congiunta per la definizione delle modalità operative firmata oggi da parte svizzera dal Direttore dell’AFD Christian Bock e da parte italiana dal Prefetto Massimo Bontempi, le pattuglie miste sono ora pronte ad essere impiegate.

Le due forze coopereranno, nel quadro delle reciproche competenze nazionali, ai fini della prevenzione e della repressione della migrazione illegale. Durante l’esecuzione di tali servizi, gli agenti di una parte operanti sul territorio dell’altra parte sono di ausilio agli agenti di quest’ultimo con compiti di assistenza, osservazione e informazione e non possono eseguire autonomamente misure di polizia.

Gli agenti impiegati hanno seguito una formazione specifica congiunta svoltasi di recente. Il servizio sarà espletato nelle aree di confine del Canton Ticino e delle province di Como e Varese: sedici gli uomini impegnati dalla Polizia di Frontiera di Luino e di Ponte-Chiasso, dodici le Guardie di Confine.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127