Luino | 16 Febbraio 2019

Ospedale di Luino, “Le priorità sono il personale e la tecnologia. Ok ai fondi per il tetto”

Il consigliere regionale Monti e i direttori referenti dell'ASST di Sette Laghi a confronto con i primari per conoscere tutte le criticità del nosocomio luinese

Tempo medio di lettura: 3 minuti

Risolvere i problemi di carenza al personale medico e puntare forte sulla tecnologia per migliorare i servizi utilizzati dagli utenti del territorio nell’Alto Varesotto, senza dimenticare lo stanziamento di fondi per il tetto al quinto piano.

È questo il sunto del sopralluogo di ieri effettuato dal presidente della Commissione Sanità di Regione Lombardia, Emanuele Monti, e dalla direzione strategica dell’ASST dei Sette Laghi, composta dal direttore sanitario Lorenzo Maffioli, dal direttore socio-sanitario, Alessandro Mazzoleni e dal direttore amministrativo Ugo Palaoro, che, in rappresentanza del DG Bonelli, sono stati accolti dalla dottoressa Roberta Tagliasacchi, dal vicesindaco di Luino Alessandro Casali e dal presidente dell’assemblea cittadina Davide Cataldo.

Durante il consueto tour dell’Ospedale (Pronto Soccorso, radiologia, Medicina Generale, Medicina Riabilitativa e Chirurgia), dove hanno ascoltato i primari presenti, Monti e i dirigenti sanitari hanno potuto appurare in prima persona la situazione della struttura, nella quale vi sono numerose criticità, soprattutto legate alla carenza di personale medico. Dall’inizio dell’anno sono arrivati due nuovi dottori (uno destinato alla Medicina Generale e uno confermato nell’organico del Pronto Soccorso grazie ad una stabilizzazione), ai quali si sono aggiunti tre infermieri, un educatore professionale e due operatori socio-sanitari, ma questo non basta.

Il problema, infatti, riguarda soprattutto il personale medico, come evidenziato dal responsabile di radiologia Leonardo Callegari, dove vi sono solo due medici e si cerca di sopperire alle lacune tramite turnazione da Cittiglio e Varese. In questo senso, però, l’azienda è impegnata in alcune procedure di assunzione. Sul fronte degli specialisti, sono in corso quelle relative a medici di Pronto Soccorso, ortopedici, internisti, ginecologi, radiologi, anestesisti, chirurghi e pediatri. A questo si aggiunge l’annoso problema della dialisi: tanti in questi anni i problemi dei pazienti dializzati, che a più riprese hanno cercato, finora invano, maggiori tutele e servizi.

Per rispondere a questa grave criticità, si è appena concluso un concorso per l’assunzione di nefrologi che ha portato un nuovo specialista nella Nefrologia e Dialisi dell’ASST e un altro nefrologo è in arrivo per la prossima settimana: in questo modo, con il direttore della Nefrologia e dialisi si potranno soddisfare le esigenze delle diverse sedi di Dialisi e CAL aziendali, comprese quelle del Verbano.

Sul fronte degli interventi strutturali che interesseranno Luino, invece, è in programma il rifacimento del tetto, inserito nell’ambito degli interventi già finanziati dalla Regione. Verrà ristrutturata, inoltre, la cabina elettrica, mentre l’Azienda è impegnata a trovare la copertura finanziaria necessaria per procedere alla riqualificazione del quinto piano. Per quanto riguarda le tecnologie, invece, è in arrivo a Luino un nuovo ecografo, destinato all’attività di proctologia, mentre rappresenta una priorità che presto sarà finanziata la sostituzione del mammografo analogico con un nuovo strumento digitale.

“Siamo a conoscenza dei problemi legati al personale – spiega alla fine del sopralluogo il direttore sanitario Lorenzo Maffioli -, ma ci scontriamo con una carenza di specialisti che si ripercuote a livello nazionale. Il nostro obiettivo, per il quale abbiamo grande ottimismo, è seguire le indicazioni di Regione Lombardia, che come priorità si è anche data quella di tenere sotto controllo e ridurre le liste d’attesa. Queste miglioreranno solo se assumeremo personale qualificato, quindi la direzione sarà questa, e se, come in programma, punteremo sulla tecnologia per una più rapida presa in carico del paziente”.

“Abbiamo osservato strutture, sia a Luino che a Cittiglio, in buone condizioni – ha raccontato Alessandro Mazzoleni, il direttore socio-sanitario -. Anche il personale medico è molto qualificato. Cercheremo di capire come organizzarci per migliorare le relazioni e i servizi da garantire su tutto il territorio”.

La Sanità del Verbano – commenta il consigliere Monti – è al centro dell’interesse di Regione Lombardia, che sta lavorando insieme all’ASST dei Sette Laghi in maniera costante per potenziare l’offerta agli utenti. E oggi possiamo finalmente dare buone notizie ai Cittadini. Come Regione Lombardia avevamo promesso una grande attenzione alle esigenze del territorio e alla risoluzione delle criticità una promessa sulla quale mi sono speso in prima persona e che sta venendo mantenuta nel migliore dei modi”.

Le parole dei dottori responsabili Maurizio Zorzan, Leonardo Callegari, Francesco Dentali, Maria Cristina Meloni e Stefano Carini hanno dettagliato al completo il lavoro e le problematiche con le quali sono costretti a fare i conti quotidianamente. Ora starà alla Regione trovare gli ulteriori fondi e personale necessario e all’Azienda operare al meglio per il futuro, con l’obiettivo di mantenere i servizi presenti e di incentivare le eccellenze del territorio.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127