Campione d'Italia | 22 Agosto 2018

Dissesto finanziario per Campione d’Italia, Invidia: “Necessario cambio amministrativo”

Dimissioni per quattro consiglieri comunali: “Decisione sofferta e difficile, non è una fuga. Unica strada sciogliere il Consiglio e nominare un commissario”

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Bene hanno fatto i quattro consiglieri comunali di Campione d’Italia a dimettersi in seguito ai 43 licenziamenti del Casinò, gesto dignitoso e responsabile. Ora guardiamo con fiducia al cambio di clima amministrativo, primo punto di partenza per rilanciare l’enclave e il suo Casinò”. Queste le parole dell’on. Niccolò Invidia, dopo quanto accaduto nelle scorse settimane.

Poco prima di Ferragosto, infatti, durante un consiglio comunale, è stato ufficialmente dichiarato il dissesto finanziario del Comune di Campione d’Italia. I problemi sono legati soprattutto al Casinò di Campione, la prima fonte di reddito per cui la procura di Como ha chiesto il fallimento: mancherebbero 25 milioni di euro di versamenti. E così, come da Decreto, nei giorni successivi sono stati comunicati il numero di eccedenze del personale: sarebbero 86 su 102 i dipendenti “di troppo” assunti nel Comune dell’enclave italiana in territorio svizzero.

Dopo i primi 43 licenziamenti, l’altro ieri, lunedì 20 agosto, quattro consiglieri comunali hanno rassegnato le dimissioni, una “decisione sofferta e difficile” nata “dalla consapevolezza che l’unica strada per poter risolvere urgentemente la drammatica situazione che sta vivendo la nostra comunità sia far intervenire immediatamente le Autorità e le Istituzioni Centrali competenti, mediante lo scioglimento del Consiglio Comunale e la nomina di un Commissario Prefettizio”.

“Questa scelta – si legge in un comunicato rilasciato dai dimissionari – non rappresenta una fuga dalle nostre responsabilità, ma trova unicamente il suo fondamento nella convinzione che sia oggi necessario ripartire da zero, al fine di poter ricostruire il sistema Campione, preservando necessariamente tutte le peculiarità che da sempre hanno caratterizzato il nostro territorio e che l’attuale Amministrazione – nostro malgrado – sta oggi continuando progressivamente a cancellare e ad azzerare”.

Sull’argomento ha voluto aggiungere l’on. Invidia: “Incommentabili sono le dichiarazioni provocatorie degli scorsi giorni del deputato di Fratelli d’Italia Alessio Butti a riguardo di una possibile ‘annessione’ dell’enclave italiana alla Svizzera. Assurdo che una situazione così delicata venga trattata in questo modo, il deputato sa benissimo che il Governo sta affrontando la situazione, a differenza dei governi passati. Fondamentale invece sarà rimodellare il nuovo accordo tra Italia e Confederazione Svizzera sul frontalieriato, dedicando un capitolo a Campione per stabilizzare la gestione doganale e della sanità dei residenti nel paese”.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127