Luino | 5 luglio 2018

L’impresa di Marco e Massimiliano, “Il primo trekking per promuovere tutto il lago Maggiore”

I due sono partiti domenica da Pallanza e ora sono diretti verso sud. Oggi tappa da Luino a Caldè. "Un'idea meravigliosa per riscoprire tutta la regione del lago"

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Un’idea per promuovere tutta la regione del lago Maggiore, mappando tutti i sentieri attorno al lago e scoprire le bellezze, i paesaggi e la natura del territorio. È questa l’impresa che Massimiliano Cremona e Marco Tosi, partiti domenica primo luglio da Pallanza, hanno iniziato per provare a costruire un percorso da proporre ad appassionati e turisti. Duecentocinquanta chilometri, quasi tutti a mezzacosta su vecchi sentieri vista lago, che stanno toccando la sponda piemontese, quella lombarda e il Canton Ticino, da compiere in una decina di giorni circa.

“Il progetto è nato lo scorso inverno a Massimiliano – spiega Marco Tosi -, che è ricercatore al CNR (Consiglio Nazionale delle Ricerche), vive a Perugia, ma è originario di Verbania. Ha deciso di mettersi in gioco provando a realizzare un cammino dopo aver confrontato carte geografiche, sentieri presenti e vecchie tracce. In seguito, poi, tra inverno e la primavera, sono stati pensati segmenti e tappe da compiere”.

“Io – continua Marco – mi sono aggregato al progetto in inverno, quando Massimiliano è venuto a parlarmene. Mi è sembrata un’idea meravigliosa per promuovere il lago Maggiore, tutta la regione del lago, in un progetto che deve essere sia sportivo, ma soprattutto culturale. Crediamo fortemente al potenziale di queste terre intorno al lago, dal punto di vista dalla scoperta dei borghi, delle frazioni, delle chiese, dei comuni, di tutto il patrimonio paesaggistico che le comprende”.

E così domenica scorsa i due appassionati sono partiti da Pallanza ed hanno cominciato la loro avventura: domenica hanno camminato per 30 chilometri arrivando a Cannobio, scoprendo borghi, natura e sentieri. Da qui, lunedì si sono incamminati verso Locarno, percorso lungo 28,5km, nel quale hanno potuto apprezzare Ascona, Brissago e i loro magnifici paesaggi. Dopo il riposo nella notte, la mattina seguente si sono diretti a Gamborogno e Pino Lago Maggiore (31 chilometri, ndr) tra prati, fiori, borghi e tante bellezze nascoste, per arrivare ieri a Luino. Nella quarta tappa del loro viaggio, 21 chilometri tra lago e montagne, “Ci sembrava di essere in Costa Azzurra, in Croazia, scoprendo le valli della Veddasca e del luinese”. Oggi Marco e Massimiliano, invece, sono impegnati a percorrere il tragitto fino a Caldè.

“Abbiamo deciso di partire per questo trekking – conclude Marco – perchè prima di proporre un progetto del genere ad altre persone, era necessario testarlo. È molto importante perchè è il primo trekking che ha l’obiettivo di aprirsi intorno a tutto il lago, recuperando la vecchia sentieristica e i sentieri a mezzacosta, cercando di evitare il più possibile la litoranea. Un viaggio che cerca di unire vecchi e nuovi sentieri, anche su strade asfaltate dove i sentieri non esistono più”.

Noi seguiremo quotidianamente l’impresa intorno al lago di Marco e Massimiliano, ma è possibile farlo anche sui loro profili Facebook: Marco Tosi e Massimiliano Cremona.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127