Stabio | 8 Agosto 2017

Azienda in Ticino fallisce, in 60 senza lavoro

Le prime avvisaglie del triste epilogo già nel mese di gennaio. Oggi ad occuparsi delle sorti degli ex-impiegati i sindacati Unia e OCST

Tempo medio di lettura: 1 minuto

Un pesante verdetto quello arrivato nella giornata di mercoledì 2 agosto per la General Mast Engineering SA di Stabio: quello del fallimento. A pronunciarlo la Pretura di Mendrisio Nord a seguito della lettura dei libri contabili che poco margine ha lasciato alle interpretazioni.

Nonostante le rassicurazioni e gli ingenti sforzi compiuti dal management per raddrizzare il tiro, il fallimento della General Mast Engineering SA di Stabio, oggi, come scrive sulla sua versione cartacea il Corriere del Ticino, è divenuto notizia certa. La crisi non ha risparmiato neanche questa azienda abbattendosi su di essa con la propria gravità. Le lettere di licenziamento agli ormai ex dipendenti dell’impresa sono giunte nell’immediato: circa sessanta le persone rimaste senza impiego. Una notizia forte ma che non giunge come un fulmine a ciel sereno. Diverse erano state le difficoltà che l’azienda si era trovata a fronteggiare già dagli inizia del mese di gennaio quando gli impiegati avevano dovuto fare i conti con qualche mensilità non pervenuta e diversi fornitori avevano registrato dei ritardi nei pagamenti. Tutte le speranze di ripresa dei mesi a seguire si sono, poi, dimostrate illusorie sino a giungere al triste epilogo di questi giorni.

Restano al momento ignote le motivazioni che hanno condotto al collasso la General Mast Engineering SA, che si era dal 2001, anno della sua fondazione, ritagliata un posto di rilievo nel panorama produttivo ticinese nell’ambito della realizzazione e del montaggio di serramenti e rivestimenti in legno, acciaio inox, alluminio, ferro e PVC. Oggi ad occuparsi della situazione degli ex impiegati della realtà aziendale i sindacati svizzeri Unia e OCST, che stanno lavorando sul recupero delle mensilità arretrate.

(Foto di repertorio)

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127