Luino | 23 Giugno 2017

“Dopo undici anni, Luino è nel mio cuore. Ora senza lavoro è dura”

Una storia profonda, che fa riflettere, quella di un 46enne a Luino da undici anni. Un futuro incerto, con "la speranza che è l'ultima a morire"

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Una storia come tante quella che ci ha raccontato M., un 46enne residente a Luino. Una storia fatta di partenze, arrivi e speranze. Una storia che si fa fatica ad immaginare, se non la si vive in prima persona. Una storia che se negli scorsi decenni veniva vissuta dai meridionali, quando partivano per il nord Italia con una sola valigia in mano ed una marea di incertezze, oggi la ritroviamo nelle vite di quelle persone che fuggono dalle loro terre per cercare un futuro migliore. Ed M. la sua storia ce l’ha voluta narrare.

L’arrivo a Luino, undici anni fa, paese che lo ha accolto tra mille difficoltà e qualche punto fermo, motivo per il quale si era trasferito sul paese lacustre. Lavoro, casa e futuro. Dopo un duro inizio, M. ce l’aveva fatta ed era riuscito, tra la fatica ad ambientarsi e quella di fare nuove amicizie, a vivere nel modo in cui aveva sempre sperato. Luino, dopo avergli regalato il futuro che cercava, gli è entrata nel cuore in questi anni, ma la situazione che sta vivendo da gennaio è tornata a mettere in dubbio la sua stabilità. L’azienda per la quale lavorava è entrata in crisi, ed M., insieme ad altri suoi colleghi, è stato licenziato.

Sono un uomo di 46 anni che si è trasferito in questa splendida cittadina undici anni fa. Sono arrivato qui con l’intento di trovarmi un lavoro ed una casa. Dopo un inizio duro, dettato dal non avere amicizie e dalle conseguenti difficoltà nell’ambientarmi, piano piano, sono riuscito a costruirmi qualcosa, trovando sia un lavoro che una casa. E da qui è nato il mio amore per Luino, per come mi ha accolto e per come l’ho sentita mia. Ora la situazione è totalmente cambiata, ma io non voglio andare via. Sto cercando un altro lavoro perchè, purtroppo, a gennaio, la ditta in cui lavoravo è entrata in crisi, e ha licenziato oltre novanta operai, compreso me. Da allora è iniziato il calvario, e ho cercato, e continuo a farlo, un altro impiego, mandando lettere, curriculum ed iscrivendomi in due agenzie, due in Italia e una in Svizzera. Ma niente finora, buio assoluto. Se ho voluto raccontare la mia storia è perchè ho bisogno di aiuto, in qualsiasi modo, con l’obiettivo di trovare un altro lavoro a Luino o nelle zone limitrofe. La voglia non mi manca, e ho esperienze come magazziniere mulettista. Mi adatterei, però, a qualsiasi tipo di lavoro. Non so quanto possa essere utile aver raccontato brevemente quello che sto vivendo, ma la speranza è l’ultima a morire. Ho Luino nel cuore, e spero di non doverla mai abbandonare“.

Resta poco da aggiungere, se non augurarsi che i tempi tornino a sorridere a tutte quelle persone che hanno perso il lavoro in questi anni di crisi economica. La situazione la viviamo quotidianamente, sotto i nostri occhi, ma se continuiamo a pensare o commentare sui social network che ogni male derivi dai diversi, sarà difficile immaginare un futuro da costruire insieme, fisiologicamente. Condividendo ed aiutando il prossimo.

Argomenti: , ,
"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127