9 Marzo 2017

Varese: arrestato 33enne per tentato omicidio, lesioni e resistenza a pubblico ufficiale

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Un cittadino marocchino di 33 anni è stato arrestato ieri a Varese, responsabile di tentato omicidio e resistenza nei confronti degli agenti intervenuti, oltre che per il reato di ricettazione di un bancomat rubato in mattinata al mercato di Luino.

Arrestato 33enne per tentato omicidio, lesioni e resistenza a pubblico ufficiale. Nel corso del pomeriggio di ieri 8 marzo, personale della Polizia di Stato della Squadra Volante della Questura di Varese ha tratto in arresto un cittadino marocchino responsabile di tentato omicidio e resistenza nei confronti degli agenti intervenuti, oltre che per il reato di ricettazione di un bancomat rubato in mattinata al mercato di Luino. L’uomo, inoltre, è stato deferito in stato di libertà per lesioni personali cagionate ai due agenti nella colluttazione, nata a seguito della resistenza posta in essere dallo stesso per darsi alla fuga. In particolare: a seguito di una segnalazione relativa ad un individuo sospetto che si aggirava nel centro città, gli Agenti della Polizia di Stato si sono attivati immediatamente rintracciandolo nella centralissima Piazza Beccaria.

Il giovane, dopo aver notato la pattuglia, si è dato alla fuga ed è stato subito inseguito dai Poliziotti. Grazie all’aiuto ed alle indicazioni fornite da alcuni cittadini il fuggitivo è stato visto entrare all’interno dell’istituto “A.T. Maroni”, di via Cesare Battisti e lì notato salire nella la terrazza del locale mensa. Gli agenti lo hanno individuato nascosto dietro ad un riparo e, avvicinandosi con cautela, si sono prodigati nel tentativo di fermare la sua fuga. Lo straniero, per nulla collaborativo, ha reagito violentemente facendo scaturire una colluttazione con il capo equipaggio, che ha portato entrambi a cadere a terra. In tale circostanza, approfittando dell’accidentale sgancio della sicura della fondina del cinturone indossato dal poliziotto, il malvivente ha afferrato la sua pistola puntandogliela al volto.

In evidente stato di agitazione il marocchino ha urlato minacce di morte ai due operanti ed ha premuto il grilletto dell’arma. Solo le dovute precauzioni e la preparazione operativa degli Agenti hanno permesso di evitare che la situazione degenerasse. Infatti, nonostante il grave stato di pericolo, i due poliziotti lo hanno disarmato e immobilizzato. Ultimate le formalità di rito lo straniero è stato associato presso il carcere di Varese.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127