27 Ottobre 2016

La terra continua a tremare in centro Italia, migliaia gli sfollati. Atteso il premier Renzi

Tempo medio di lettura: 2 minuti

La terra ancora non ha smesso di tremare nel centro Italia, dove si cercano di stimare i danni provocati dal sisma della notte. Giunge in mattinata un messaggio di solidarietà dal Pontefice. Atteso un probabile sopralluogo del premier Matteo Renzi nel pomeriggio.

La terra continua a tremare in centro Italia, migliaia gli sfollati. Atteso il premier Renzi nel pomeriggio

Foto © ANSA

 

 

Non finisce l’incubo terremoto. Una nuova forte scossa, di magnitudo 4,4, è stata registrata alle 10:21 nelle Marche a Castel Sant’Angelo sul Nera. La terra dunque continua a tremare nell’Italia centrale, dopo una notte di paura per le tre forti scosse di ieri. Dagli ultimi aggiornamenti si sa che l’epicentro del sisma è nella Valnerina, nelle Marche. Le scosse sono state avvertite distintamente in tutte le regioni del centro Italia. Le più forti alle 19.10, di magnitudo 5.4, e di 5.9 alle 21.18, questa più intensa e duratura. Poi un’altra scossa alle 23:42, di magnitudo 4.6. Gli sfollati sono migliaia. Le repliche sono state almeno 200, più di 30 quelle di magnitudo pari o superiore a 3. Intanto si contano i danni. Il premier Matteo Renzi potrebbe fare un sopralluogo oggi nei luoghi colpiti, in particolare Camerino e Visso

Dopo la notte trascorsa nella quale le piogge hanno reso più complesse le operazioni di soccorso, sono migliaia gli sfollati.  Il capo della Protezione civile Fabrizio Curcio, il commissario per la ricostruzione Vasco Errani e il presidente delle Marche Luca Ceriscioli stanno facendo un sopralluogo nei centri più colpiti dal terremoto. “Stiamo valutando il trasferimento degli sfollati verso la costa”, ha detto Curcio da Pieve Torina, a pochi chilometri da Visso. ”Abbiamo qualcosa come due o tremila sfollati, e temo molte più abitazioni inagibili di quelle censite dopo il sisma del 24 agosto”, riferisce la Protezione civile marchigiana. La situazione è drammatica i migliaia di sfollati hanno passato la notte in auto o in rifugi di fortuna. La pioggia torrenziale della notte ha reso più complesse sia le operazioni di soccorso che la conta dei danni. Le previsioni vedono il tempo il lieve miglioramento durante la giornata ma le temperature scenderanno. Il consiglio dei Ministri ha esteso lo stato di emergenza per il nuovo terremoto e ha stanziato con un decreto 40 milioni di euro.

Tweet di solidarietà da Papa Francesco e probabile sopralluogo del premier Matteo Renzi nel pomeriggio. Mentre continua la conta dei danni, che la pioggia torrenziale della notte ha rallentato a raggiungere le popolazioni colpita dal sisma un messaggio di solidarietà arriva da Papa Francesco che esprime la sua vicinanza alle vittime del sisma. “Sono vicino con la preghiera alle persone colpite dal nuovo terremoto nel Centro Italia” dice il pontefice con un tweet. Intanto è atteso nel pomeriggio il premier Matteo Renzi, che potrebbe fare un sopralluogo oggi nei luoghi colpiti, in particolare Camerino e Visso. (ANSA)

Vuoi lasciare un commento? | 0

I commenti sono chiusi.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127