10 Settembre 2016

Scuola, Giannini: “Anche nelle zone terremotate le lezioni al via regolarmente”

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Il ministro Stefania Giannini a tutto tondo, alla vigilia dell’inizio dell’anno scolastico tra rassicurazioni sulle zone terremotate, polemiche sul concorsone e criticità nel mondo della scuola.

(star-bene.info)

(star-bene.info)

Scuola, Giannini: “Anche nelle zone terremotate le lezioni al via regolarmente”. “Le lezioni scolastiche nella zona del terremoto ripartiranno regolarmente e puntualmente”. Lo ha confermato il ministro dell’Istruzione Stefania Giannini. “Abbiamo una task force che si è insediata immediatamente e che sta lavorando per mantenere l’impegno assunto e cioè che la prossima settimana nelle scuole interne al cosiddetto cratere, le zone colpite dal sisma, le lezioni si possano avviare regolarmente e puntualmente. E la prossima settimana vedrete le risposte alla domanda che mi state facendo”.

Sulle polemiche riguardante il cosiddetto ‘concorsone’ Giannini ha evidenziato: “I concorsi per definizione sono procedure selettive per dirla in burocratese, con cui si cerca di valutare, attraverso criteri meritocratici, chi è sopra una certa asticella e chi è sotto. Mi pare che i risultati di questo concorso siano nella normalità: più della metà dei candidati sono stati promossi, quindi non ho ragione di ritenere che il concorso doveva essere a maglie più larghe”.

“L’anno scolastico si avvierà regolarmente con quel fisiologico periodo di assestamento delle criticità come è sempre stato”, ha aggiunto. “Le criticità sono quelle di un sistema complesso che ha centinaia di migliaia di insegnanti, milioni di studenti e quindi è fisiologico tutto questo – ha detto – Quest’anno abbiamo avuto un piano di mobilità straordinaria che ha consentito a 207 mila insegnanti o di ritornare a casa loro o di doversi spostare sulla base dell’assunzione siglando uno contratto condiviso con le forze sindacali. Questo ha ovviamente aggravato la macchina amministrativa del ministero ma le cose si stanno via via dipanando. Quindi si avvierà regolarmente l’anno scolastico con quel fisiologico periodo di assestamento di una settimana – dieci giorni come peraltro è sempre stato”.

Il ministro ha chiuso rivolgendosi a studenti e insegnanti: “Auguri carissimi a tutti i ragazzi e agli insegnanti che ripartono quest’anno con molti strumenti in più e anche qualche responsabilità e sfida in più”. (ANSA)

Vuoi lasciare un commento? | 0

I commenti sono chiusi.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127