5 Gennaio 2016

Continua a riscuotere successo la petizione al sindaco per una “Luino più pulita” lanciata su Change.org

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Continua a tener banco a Luino, sopratutto sui gruppi Facebook “Luino” e “Sei di Luino se…”, il rispetto dell’ambiente e della pulizia della città. In questi anni sono stati tanti i post dedicati ai padroni di cani incivili che abbandonano gli escrementi sulle strade del paese lacustre, ma anche situazioni in cui si denunciava la presenza di rifiuti sui marciapiedi tra mozziconi, bottiglie e immondizia di altro genere. Così il 30 dicembre scorso un cittadino ha lanciato una petizione sul popolare Change.org per chiedere al sindaco di Luino, Andrea Pellicini, di agire con fermezza per sanzionare coloro i quali sporcano “i luoghi pubblici non rispettando sé stessi e gli altri”.

Una foto scattata e pubblicata su Facebook da Renato Quattrocchi, nei giardini adiacenti al comune di Luino

Una foto scattata e pubblicata su Facebook da Renato Quattrocchi, nei giardini adiacenti al comune di Luino

La petizione lanciata su Change.org “Luino più pulita – il comune deve punire chi sporca suolo pubblico con mozziconi e rifiuti” ha raccolto in pochi giorni oltre centotrenta firme, superando in poche ore il primo obiettivo, fissato alle cento sottoscrizioni. Tanti i commenti dei cittadini all’interno del sito Change.org e su Facebook che denunciano le situazioni con le quali sono costretti a vivere vicino a casa loro, nelle frazioni o nelle vie del centro cittadino.

“Vengo da una generazione a cui è stato insegnato con fermezza che chi sporca il luogo pubblico manca di rispetto a se stesso ed agli altri.  Non è più così, il degrado ormai impera perfino a Luino, che fino a pochi anni fa era una cittadina pulita.

Camminare per strada guardando per terra ormai è un’esperienza da voltastomaco, ovunque si posino i piedi, lo si fa in un gigantesco portacenere sporco. Ed è comunque più prudente guardare per terra, visto che, nonostante i regolamenti, c’è ancora chi lascia gli escrementi del suo cane dove capita. E poi la nuova moda: si prende da bere e da mangiare, si esce dal locale e poi si lasciano bottiglie, bicchieri, cartacce e rifiuti vari dove capita, spesso ad un metro dal bidone dell’immondizia. E ancora, i dannati graffiti e scritte sui muri, lasciati da chi è così insignificante da pensare di acquisire un valore sporcando quello che è di tutti.

Mozziconi, scritte, escrementi, bottiglie, immondizia, tutto questo va fermato, e va fatto con decisione prima che diventi irreversibile. Lo scopo delle leggi dovrebbe essere quello di impedire ai cittadini incapaci di comportarsi civilmente di danneggiare la comunità intera. Chiedo, insieme ai miei concittadini che firmano con me questa petizione, e a tutti gli altri che non ne sono al corrente ma che certamente si unirebbero, che questi incivili vengano puniti a suon di salate multe a tolleranza zero, per far si che il messaggio si diffonda e faccia da deterrente.

Lo chiediamo al comune, che speriamo vorrà agire con fermezza e con la collaborazione piena di vigili e polizia, e chiunque altro possa contribuire a mettere il giusto spavento nelle menti di questi individui. Le leggi ci sono, basta farle rispettare, è tutta questione di dare il giusto avvio, poi il flusso scorre da solo nella giusta direzione.

Per ora il messaggio è ‘potete fare quello che volete, non vi accadrà nulla’. Non va. Vogliamo vivere in una città pulita, non in una specie di bronx dove i cafoni la fanno da padrone e restano impuniti. Vogliamo poter amare la nostra cittadina, ed amare un immondezzaio a cielo aperto è difficile. Grazie”.

Per firmare e sottoscrivere la petizione cliccare qui.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127