10 novembre 2015

Turchia, Ue: “Passi indietro nella libertà di espressione”. Ankara: “Critiche ingiuste”

Tempo medio di lettura: 3 minuti

In Turchia nell’ultimo anno sono stati fatti “importanti passi indietro nella libertà di espressione e di assemblea”. E’ quanto si sottolinea nel capitolo dedicato alla Turchia del rapporto della Commissione europea sull’allargamento che esamina i progressi fatti dai Paesi candidati all’adesione alla Ue. La Commissione Ue era stata criticata per aver ritardato la pubblicazione del rapporto, rimandato, secondo le accuse, per non irritare Ankara in vista delle elezioni politiche del primo novembre. La Turchia replica duramente: “Critiche ingiuste”.

Il premier turco, Recep Tayyip Erdogan, e Jean-Claude Juncker (voanews.com)

Il premier turco, Recep Tayyip Erdogan, e il presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker (voanews.com)

Turchia, Ue: “Passi indietro nella libertà di espressione”. Nel rapporto sull’allargamento l’esecutivo di Bruxelles sottolinea che, dopo diversi anni di progressi nella libertà di espressione, “sono stati osservati gravi passi indietro negli ultimi due anni”. In particolare “i procedimenti penali in corso e nuovi contro giornalisti, scrittori o utenti dei social media, l’intimidazione di giornalisti e media e le azioni delle autorità che limitano la libertà dei mezzi di comunicazione sono di notevole preoccupazione”. Anche le modifiche alla legge su internet decisa dal governo sono “un significativo passo indietro rispetto agli standard europei”.

Progressi per diritti umani e libertà, ma ancora gravi carenze. Negli ultimi anni nel paese sono stati fatti “progressi notevoli” nella tutela dei diritti umani e delle libertà fondamentali, afferma peraltro il rapporto, ma “rimangono ancora gravi carenze”. La Turchia, si sottolinea, “ha continuato a esprimere il proprio impegno per l’adesione alla Ue”, su cui però ha pesato l’adozione di leggi importanti in materia di Stato di diritto, libertà di espressione e di riunione che “vanno contro” gli standard europei. Inoltre il presidente Recep Tayyip Erdogan è stato accusato di oltrepassare le proprie prerogative costituzionali in molte questioni fondamentali di politica interna ed estera. Nel rapporto dell’esecutivo di Bruxelles si sottolinea comunque che la Turchia e la Ue hanno continuato a cooperare in aree di comune interesse, dalla sicurezza all’anti-terrorismo, dai visti alle migrazioni. In particolare Ankara “continua a fornire un aiuto umanitario senza precedenti ai rifugiati di Siria e Iraq”.

Criticità legata al sistema giudiziario e rallentamento delle riforme. E se l’economia turca è “avanzata e può considerarsi un’economia di mercato funzionante”, la Commissione Ue nota altre mancanze. In particolare l’indipendenza del sistema giudiziario del Paese è stata “minata” dal 2014 e giudici e magistrati “sono sotto una forte pressione politica”. Anche la lotta alla corruzione rimane “inadeguata”, con “l’indebita influenza dell’esecutivo nelle indagini e nei processi di casi di corruzione di alto profilo continuano a preoccupare”. In “rallentamento” anche il ritmo delle riforme, anche a causa “delle elezioni prolungate e della continua divisione politica”. Sul fronte del sistema elettorale la Commissione Ue indica che la soglia di sbarramento del 10% perché un partito possa essere rappresentato in Parlamento “deve essere affrontata con urgenza”. E, in ogni caso, c’è un “bisogno urgente” di adottare una legge complessiva sulla lotta alla discriminazione, in linea con gli standard europei. La Turchia ha anche bisogno di “garantire efficacemente” i diritti di donne, bambini e persone lesbiche, gay, bisessuali e transessuali e “garantire sufficiente attenzione” all’inclusione sociale dei gruppi vulnerabili, come i rom.

E’ “fondamentale” che il governo turco riprenda i colloqui di pace con i curdi, sottolinea ancora la Commissione europea nel capitolo dedicato alla Turchia del rapporto sui Paesi candidati all’adesione alla Ue. Nella relazione si riconosce che la Turchia ha visto “un grave deterioramento della propria situazione di sicurezza”, con le autorità del Paese che hanno lanciato una vasta campagna militare anti-terrorismo contro il Pkk, il Partito dei Lavoratori del Kurdistan, che “rimane nella lista delle organizzazioni terroristiche dell’Unione europea, sia in Turchia e in Iraq”. La Commissione Ue evidenzia che “il processo di risoluzione della questione curda si è fermato, nonostante fossero stati realizzati sviluppi positivi”. E per questo far ripartire i colloqui di pace è “fondamentale”.

La Turchia respinge il rapporto diffuso dalla Commissione Ue in cui evidenzia la “tendenza negativa” nel settore della libertà di stampa, con “un aumento della pressione e delle intimidazioni contro i giornalisti”. Alcune osservazioni contenute nel documento, ha replicato il ministero per gli Affari europei turco, sono “ingiuste e sproporzionate e ignorano il necessario equilibrio tra libertà e sicurezza in un Paese governato dal diritto”. Il ministero ha inoltre definito “inaccettabile” la parte in cui si esprimono perplessita’ sull’uso del potere da parte del presidente, Recep Tayyip Erdogan. Ankara ricorda quindi che il governo turco ha adottato diversi pacchetti di riforme negli ultimi anni per sostenere la libertà di espressione e una magistratura “imparziale e indipendente”. “Prendereno attentamente nota delle critiche giuste e ragionevoli”, conclude il ministero, ma quelle “ingiuste” verranno portate all’attenzione della Commissione Ue. Nel rapporto annuale sullo stato della candidatura di Ankara alla Ue, Bruxelles invita il governo turco a revocare le restrizione sulla libertà di stampa, rispettare i diritti umani e rilanciare i negoziati sulla questione curda.

-->
"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127