EMERGENZA CORONAVIRUS (ATTIVITÀ APERTE E CONSEGNE A DOMICILIO ) Segnalaci la tua attività Guarda tutte le attività
7 Settembre 2015

Scuola: una vera e propria “stangata”, più di mille euro a studente per i libri

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Con l’apertura delle scuole, torna alla ribalta la questione della spesa sostenuta dalle famiglie per l’acquisto di libri e materiale scolastico: arriva a pesare fino a 1.100 euro per ogni studente. La notizia arriva direttamente dai dati acquisiti dal Codacons. Inizia oggi dalla Provincia di Bolzano il nuovo anno scolastico 2015/2016.

(giuntiscuola.it)

(giuntiscuola.it)

Scuola: una vera e propria “stangata”, più di mille euro a studente per i libri. Oltre ai soldi destinati dalle famiglie per l’acquisto dei libri, in base ai dati del Codacons, per il corredo scolastico (penne, diari, quaderni, zaini, astucci, ecc.) si spenderà quest’anno leggermente di più rispetto al 2014: una famiglia media dovrà mettere in conto una spesa annua attorno ai 500 euro a studente, a cui va aggiunto il costo per i libri di testo, altra voce che inciderà pesantemente sui portafogli delle famiglie.

Il costo dei libri di testo è variabile in base al grado di istruzione e a scuola. La spesa per i testi – spiega il Codacons – è estremamente variabile e dipende non solo dal livello di istruzione (elementari, medie, superiori, licei, istituti tecnici, ecc.), ma anche dalle scelte dei singoli istituti, e varia dai 280 euro fino a raggiungere quota 600 euro, considerato anche l’acquisto dei dizionari. Tra corredo e libri di testo, quindi, la spesa complessiva può raggiungere e superare i 1.100 euro a studente.

Oggi parte ufficialmente l’anno scolastico 2015/2016. I primi a tornare sui banchi saranno gli studenti della Provincia di Bolzano, per i quali le lezioni inizieranno proprio oggi, lunedì 7. Il 9 settembre sarà il turno degli studenti del Molise, seguiti il 10 da quelli della Provincia di Trento. Il 14 settembre apriranno le scuole delle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Friuli, Liguria, Lombardia, Sicilia, Piemonte, Marche, Umbria, Sardegna e Valle d’Aosta ed il 15 settembre toccherà agli alunni delle regioni Lazio, Toscana ed Emilia Romagna. Le lezioni inizieranno più tardi in Puglia e Veneto (16 settembre). (ADNKRONOS)

Vuoi lasciare un commento? | 0

I commenti sono chiusi.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127