| 11 Luglio 2015

8×1000: -5,9% alla Chiesa, crescono i fondi verso lo Stato. Ecco i dati nell’infografica

Tempo medio di lettura: 2 minuti

(Articolo ed infografica di Massimo Brugnone) – Circa un miliardo di euro alla chiesa cattolica per un per un totale di oltre 15 milioni di contributori. Sono quasi tre milioni, invece le persone che devolvono l’8×1000 allo Stato, per un totale di 195 milioni di euro. Meno della metà scelgono a chi donare.

In perdita (-5,9% rispetto al 2014), ma  comunque 995 milioni e 462 mila euro: a tanto ammonta la quota di contributi elargiti alla Chiesa cattolica, prima realtà in Italia a ricevere fondi dall’Irpef dei cittadini. A rilevarlo è il Dipartimento delle Finanze del Ministero dell’Economia sui contributi elargiti in base ai redditi del 2011.  Secondo in classifica, con 195 milioni e 612 mila euro (+12,9% rispetto al 2014), lo Stato.

I più ricchi: gli Avvenisti. Cambia completamente la prospettiva se si calcola il contributo ricevuto rispetto al numero dei sottoscrittori che hanno validamente espresso la propria preferenza. Al primo posto, con 68,32 € di media a testa, l’Unione Chiese cristiane avventiste del 7° giorno. Ma è interessante notare il balzo della Chiesa Evangelica Valdese che è passata da una media di 30,1 € a sottoscrittore nel 2012 a 66,16 € nel 2013 (redditi 2008 e 2009).

 

La laica Emilia Romagna e la cattolica Sicilia. Con 2 milioni e 814 mila, la Lombardia è la Regione con il maggior numero (assoluto) di sottoscrittori di 8×1000 verso la Chiesa cattolica. Se si pesa il numero di sottoscrittori dei diversi destinatari sul totale dei sottoscrittori dell’8×1000, con il 91,7% è la Sicilia “la Regione più cattolica d’Italia”, mentre l’Emilia Romagna la più laica (30,1%).

In discesa la Chiesa (-2,7%), in salita lo Stato (+12,7%). Il numero assoluto dei sottoscrittori della Chiesa cattolica passa da 15 milioni e 604 mila nel 2014 a 15 milioni e 185 mila nel 2015, mentre i contributori dello Stato passano da 2 milioni e 533 mila nel 2014 a 2 milioni e 904 mila nel 2015.

Meno della metà scelgono a chi donare. Solo la Puglia (53,75%) e la Valle d’Aosta (50,58%) superano il cinquanta percento di potenziali contributori che scelgono i destinatari del proprio 8×1000. In Sardegna solo il 37,32% nel 2015 ha scelto a chi destinare i propri contributi.

Nell’infografica è possibile scoprire, regione per regione, i numeri dei sottoscrittori delle varie confessioni religiose o dello Stato.

© Riproduzione riservata

Vuoi lasciare un commento? | 0

I commenti sono chiusi.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127