13 Ottobre 2014

A Maccagno con Pino e Veddasca un “giorno di ordinaria follia” per il maltempo. Diversi i danni ed i disagi

Tempo medio di lettura: 3 minuti

Sin dall’alba questa mattina, intorno alle 6.30, nel Comune di Maccagno con Pino e Veddasca sono stati segnalati danni e disagi a causa delle forti precipitazioni della scorsa notte. Frane, smottamenti e problemi alla viabilità, sia stradale che ferroviaria. Così i funzionari comunali, provinciali ed alcune ditte, che abitualmente lavorano per il Comune, si sono adoperati per arginare i danni e riportare la situazione alla “quasi” normalità. La linea Bellinzona-Luino-Malpensa verrà riaperta in serata, mentre sulla SS 394 il traffico è tornato regolare dalle 14 in poi. Anche altre strade verso Pino e Veddasca sono state colpite dalla pioggia. A Maccagno, invece, la zona più colpita è stata sicuramente Piazza Roma. Decine gli interventi per liberare tombini e per gestire alcune situazioni di allagamento.

Piazza Roma, a Maccagno (Foto © facebook.com/mauriziomizzi.galeazzi)

Piazza Roma, a Maccagno (Foto © facebook.com/mauriziomizzi.galeazzi)

La sospensione della linea ferroviaria Bellinzona-Luino-Malpensa. La Rete Ferroviaria Italiana, attraverso il profilo Twitter @TRENORD_miLUI, ha twettato alle 7.02 di questa mattina la sospensione della circolazione tra le stazioni di Maccagno e Pino Tronzano, a causa di una frana caduta sui binari. I treni, sia passeggeri che merce, provenienti dall’Italia, sono rimasti fermi per lungo tempo nella Stazione di Luino. Nel corso della serata, però, dovrebbe essere ripristinata la viabilità ferroviaria, dopo il tempestivo intervento dei tecnici di Rfi che, lavorando per diverse ore in loco, stanno riportando la situazione alle normali condizioni di sicurezza. Per sopperire alla sospensione del servizio ferroviario, nel corso di tutto il giorno, è stato attivato un servizio bus sostitutivo per consentire ai viaggiatori di raggiungere destinazione.

I disagi a Maccagno con Pino e Veddasca sulla Strada Statale 394. Questa mattina sulla SS 394, nella zona della centrale idroelettrica di Roncovalgrande tra il comune di Maccagno con Pino e Veddasca e quello di Tronzano, alcuni fiumi e torrenti hanno riversato sulla strada una quantità tale di acqua e detriti, che hanno creato non pochi problemi alla circolazione. Prima dell’intervento della Polstrada, infatti, le macchine hanno dovuto rallentare considerevolmente perchè una corsia, quella verso la montagna, era completamente impraticabile. Fino all’orario di riapertura al traffico, per tutta la mattinata, non è stato possibile attuare il senso unico alternato e così la Polstrada ha fatto transitare solo ed esclusivamente i viaggiatori che dovevano rientrare nelle proprie abitazioni.

I problemi ed i disagi in Piazza Roma. Un grossissimo problema da affrontare si è verificato in Piazza Roma dove un rigagnolo, che scende dalla montagna, si è riempito a dismisura. Così ha lasciato a valle decine e decine di metri cubi di detriti specialmente sul selciato verso la Chiesa della Madonnina ed in Piazza Roma. “E’ stato un vero e proprio disastro in questa zona – spiega il Sindaco di Maccagno con Pino e Veddasca, Fabio Passera -. La Piazza era totalmente coperta da fango e detriti, e la paura per le persone è stata grande. Fortunatamente non è successo niente che non si possa risolvere: affronteremo nel più breve tempo possibile i lavori per eliminare le voragini createsi.”

Anche in Via Reschigna, dove è presente la piattaforma comunale ecologica, non è stato possibile transitare a causa di uno smottamento. La piattaforma è rimasta chiusa tutto il giorno e, inoltre, due famiglie sono potute uscire dalle loro case solo a piedi e con mille difficoltà. L’area è stata messa in sicurezza intorno alle 16.30, con il solo passaggio scorrevole, ma la situazione non è stata risolta completamente. Un’altro intervento è stato eseguito nella località Monti di Pino, raggiungibile sia dal Passo della Forcora, sia da Zenna. Proprio nella strada acciottolata, dal valico italo-svizzero, che permette di arrivare ai vecchi alpeggi, si è staccato un pezzo di selciato. In questo caso, però, non si posso ancora quantificare i danni e la strada, che si può percorrere solo con i fuoristrada, è stata chiusa alla circolazione. L’ultimo intervento è stato effettuato sulla Strada Provinciale 5, a seicento metri dal bivio per Armio e il Passo Forcora: qui un tornante è proprio ceduto verso il basso, ma la strada non è stata chiusa. Il divieto al transito è stato inibito solo agli autocarri, visto che una corsia è rimasta aperta e ha permesso la libera circolazione alle automobili.

L’impegno dei tecnici, degli addetti ai lavori e dell’Amministrazione Passera. “Ovviamente la pioggia caduta tra ieri ed oggi ha creato tanti disagi ai cittadini – spiega il sindaco di Maccagno con Pino e Veddasca, Fabio Passera -. Noi ci abbiamo messo tutto l’impegno, è il nostro compito. Chiediamo solo un po’ di pazienza ai nostri cittadini. Ormai il problema emergenza lo abbiamo superato e fortunatamente non si è fatto male nessuno: ho visto scene di danni che potevano creare pericolo alle persone. Così, a parte qualche allagamento, per quanto disdicevole, ed i problemi in Piazza Roma, non abbiamo riscontrato grossi problemi se non sui servizi sulle strade e sulla linea ferroviaria, con danni annessi. E’ stato un evento straordinario, ma contiamo nella giornata di domani di riportare la situazione alla normalità.”

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127