28 Settembre 2014

Luino, il consigliere Franzetti sul Palazzo Verbania: “Polemizzare sui costi è soltanto una strumentalizzazione pre-elettorale”

Tempo medio di lettura: 3 minuti

Il consiglio comunale di giovedì sera ha creato non poche polemiche nel panorama politico luinese. A tenere banco è stata la questione Palazzo Verbania e lo stanziamento di fondi che il Comune ha deciso per la ristrutturazione. Dopo l’articolo pubblicato venerdì sera, con dichiarazioni del consigliere di minoranza, Vincenzo Liardo, è il consigliere di maggioranza, Alessandro Franzetti, a replicare quanto sostenuto dal capogruppo di “Luino 2010”, in relazione ai costi per i lavori da effettuare al Palazzo Verbania. Anche un altro consigliere dell’amministrazione Pellicini, Alessandro Malnati, ha espresso la sua opinione in merito.

Uno scatto del Palazzo Verbania di Luino, dalla "Terrazza sul Lago", nel nuovo tratto di Lungolago

Uno scatto del Palazzo Verbania di Luino, dalla “Terrazza sul Lago”, nel nuovo tratto di Lungolago

L’importanza del contributo della Fondazione Cariplo per la ristrutturazione del Palazzo Verbania. “Lo stanziamento di un milione di euro concesso dalla Fondazione Cariplo al Comune di Luino per la ristrutturazione di Palazzo Verbania – spiega il Consigliere comunale delegato alle Associazioni Culturali, alle Politiche Giovanili e alla Comunicazione Istituzionale, Alessandro Franzetti – sta a significare due cose: la bontà del progetto presentato, che tra l’altro è stato preferito a molti altri progetti presentati da città anche più importanti di Luino, e la bravura dell’amministrazione e dei tecnici che si sono occupati della questione.”

Il patrimonio culturale e il progetto di valorizzazione di Palazzo Verbania. “Ritengo – continua il consigliere Franzetti – sia un fatto storico che Palazzo Verbania passi dalla proprietà demaniale al patrimonio comunale e che finalmente venga sistemato nel migliore dei modi. Infatti nel piano terra, vi sarà una sala conferenze di 100 posti e uno spazio polifunzionale, al primo piano una caffetteria in cui potersi ristorare leggendo un buon libro e al secondo piano gli archivi di Piero Chiara e Vittorio Sereni, che saranno lì trasferiti dall’attuale sede che è la biblioteca di Villa Hussy.

Le critiche di Franzetti alle parole del consigliere di minoranza Liardo. “Non condivido la posizione del consigliere Liardo che in Consiglio Comunale ha criticato la ristrutturazione dicendo che ‘i lavori per Palazzo Verbania sono secondari perché andrebbero ad intaccare finanziamenti che dovrebbero essere garantiti per i servizi di tutti i cittadini’. Palazzo Verbania non poteva più rimanere nello stato di degrado degli ultimi anni e per la nostra amministrazione il fatto di ridarlo alla Città ristrutturato a dovere è il coronamento di un sogno. Tra l’altro lo stesso Liardo, prima di sostenere, come ha fatto, che le spese per Palazzo Verbania sono eccessive e potrebbero avere ricadute sulle prossime amministrazioni, dovrebbe ricordarsi dei costi che l’amministrazione Mentasti ha sostenuto per il Parco a Lago, finanziato anch’esso in parte dalla Fondazione Cariplo, ma per il resto pagato dalle casse comunali.”

Il giudizio sul Palazzo Verbania del consigliere Alessandro Malnati. “Palazzo Verbania è un’operazione sicuramente costosa, pari a 1,8 milioni di euro – spiega il consigliere Alessandro Malnati -. Un milione però verrà concesso dalla Fondazione Cariplo ed ottocento mila euro dovrebbero gravare sulle casse del Comune, ma la Regione si è già informalmente impegnata a coprirne una parte. Così la spesa sarà molto inferiore. E’ importante capire che il futuro di Luino non si basa più sulla manifattura, ma che si gioca anche, ma non solo, sul turismo. Grazie all’amministrazione precedente e la nostra, Luino è migliorata. Nonostante l’estate con il clima peggiore degli ultimi trentacinque anni, abbiamo avuto numeri positivi, in crescita: turisti australiani, inglesi, canadesi e americani più che in tutto il resto della storia di Luino degli anni recenti. Avere un rudere in mezzo ad una delle passeggiate più belle del Lago Maggiore è una follia. Abbiamo lì un gioiello in potenza ed è un dovere riportarlo in uno stato per cui possa essere utilizzato e si possano invogliare gli investitori a venire qui per i convegni ed i loro eventi, sapendo di avere una cornice unica in un posto magico completamente sistemato.”

“Il ‘Civico’ – conclude Alessandro Franzetti – è un luogo dell’anima per tutti i luinesi e non solo e diventerà un vero polo culturale che richiamerà molti turisti e studiosi. Polemizzare sui costi è soltanto una strumentalizzazione pre-elettorale.”

Vuoi lasciare un commento? | 0

I commenti sono chiusi.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127