3 Settembre 2014

Rai, l’allarme di Iacona: “Rischiamo di perdere il gruppo di lavoro di Presa diretta, la direzione dia un segnale forte”

Tempo medio di lettura: 3 minuti

“La Rai non può permettersi di perdere i collaboratori esterni effettuando ingenti tagli ai lavoratori con partita Iva”. E’ il grido d’allarme del giornalista e conduttore Riccardo Iacona durante la conferenza di presentazione della nuova stagione di “Presadiretta”. Il programma torna domenica prossima in prima serata su Rai3, con quattro puntate speciali per poi proseguire da gennaio con altri dodici appuntamenti, in cui gli inviati presenteranno 16 reportage tutti auto-prodotti.

La squadra degli inviati di Presa Diretta (twitter.com)

La squadra degli inviati di Presa Diretta (twitter.com)

La richiesta di Iacona alla direzione Rai. “Il nostro gruppo di lavoro – spiega Iacona – si avvale in maggioranza di collaboratori esterni. Persone valide che non avrebbero certo problema a trovare spazio nella concorrenza: non siamo più in un regime di monopolio. Sinceramente – continua il giornalista – mi aspetto un segnale forte dalla direzione generale con cui si dimostri di voler mantenere questo gruppo, anche considerato il fatto che non siamo rimasti in molti a fare informazione in prima serata”. Sempre sul tema Iacona sottolinea: “Queste sono vere e proprie questioni di prodotto. Una trasmissione come la nostra, fatta soprattutto di reportage, trova in questi lavoratori il suo vero e proprio cuore”.

L’esordio di “Presediretta, domenica prossima, con un reportage sulla prostituzione. “La nuova edizione di “Presadiretta” partirà, ha detto Iacona, “con quattro puntate a cui tengo moltissimo, perché molto particolari nel loro genere”. L’esordio in onda domenica prossima sarà “una prima assoluta, perché mai la televisione aveva affrontato in prima serata, con un servizio così lungo, il tema della prostituzione mettendo in evidenza il punto di vista dei clienti, in particolar modo degli uomini che spesso escono indenni, scaricando la responsabilità sul sesso debole. Per fare ciò – spiega il giornalista – siamo partiti da quella che non riteniamo solo un terribile fatto di cronaca ma anche il modo per capire come è cambiato questo Paese e che livelli ha raggiunto la pornografizzazione dei rapporti sessuali, vale a dire la storia delle ‘baby squillo dei Parioli'”.

La seconda puntata sarà invece un focus sul rapporto tra gli adolescenti e la droga. “In pochi sanno che i sedicenni italiani sono quelli che fanno maggiore consumo di sostanze stupefacenti in Europa – afferma Iacona -. Mostreremo un viaggio all’interno della movida romana, mettendo in luce lo stretto rapporto dei nostri giovani con le droghe e dimostrando come il dibattito ideologico che si fa in Italia sulle medesime è un qualcosa di realmente inutile e andrebbe sostituito con un’attenta analisi della realtà e una politica di riduzione del danno”.

La terza puntata sarà dedicata al trasporto pubblico, in confronto alle altre realtà europee. “Il nostro appuntamento economico avrà luogo alla terza puntata – annuncia Iacona – quando affronteremo il tema del trasporto pubblico, mettendo a confronto le realtà europee radicate in piccole città, e quindi meno famose degli arcinoti sistemi di mobilità pubblica di città come Londra o Parigi. Siamo stati nei piccoli centri della Bretagna – continua il conduttore – osservando come lo sviluppo del trasporto pubblico rappresenti un vero e proprio motore nelle zone in questione. A ciò farà da contraltare la stessa analisi effettuata però nelle città italiane, partendo da Palermo e Napoli, per finire con Roma Capitale, un esempio scandaloso di quanto l’assenza di una rete di trasporto pubblico efficiente possa influire in maniera terribilmente negativa sulla vita dei cittadini”.

La quarta e ultima puntata verterà invece sui fondi che l’Europa destina all’Italia: “15 milioni che rischiamo di perdere se il nostro Paese non li spenderà entro il 2015. Il motivo del perché non vengono spesi verrà analizzato, capendo anche come sono stati spesi finora e come andrebbero indirizzati per creare nuovi posti di lavoro. Questa puntata apre un tema che poi perseguiremo anche in gennaio, vale a dire quello delle risorse”. (ADNKRONOS)

Vuoi lasciare un commento? | 0

I commenti sono chiusi.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127