EMERGENZA CORONAVIRUS (ATTIVITÀ APERTE E CONSEGNE A DOMICILIO ) Segnalaci la tua attività Guarda tutte le attività
21 Agosto 2014

Luino, il sindaco Pellicini scrive ad Alfano: “Preoccupante la situazione del nostro Commissariato di Polizia”

Tempo medio di lettura: 3 minuti

Negli scorsi giorni, il sindaco di Luino, Andrea Pellicini, ha inviato una lettera al Ministro dell’Interno, Angelino Alfano, dove esprime tutta la sua preoccupazione per lo stato del Commissariato di Polizia di Luino. Nella missiva, il primo cittadino luinese, spiega la situazione di difficoltà in cui si trova il Commissariato, a causa di trasferimenti di agenti non ancora sostituiti. Il Sindaco ha inviato la lettera a tutti i parlamentari eletti in provincia di Varese. Allo stato, si sono già mossi il Senatore della Lega Nord Stefano Candiani e il Deputato grillino Ivan Catalano, mentre gli altri destinatari sono: le senatrici Erica D’Adda (Pd) e Laura Bignami (Movimento 5 Stelle), i deputati Umberto Bossi, Daniele Marantelli (Pd), Giancarlo Giorgetti (Ln), Angelo Senaldi (Pd), Cosimo Petraroli (M5S), Maria Chiara Gadda (Pd) e Gianfranco Librandi (Sc).

Il sindaco di Luino, Andrea Pellicini, ed il ministro dell'Interno, Angelino Alfano

Il sindaco di Luino, Andrea Pellicini, ed il ministro dell’Interno, Angelino Alfano

Il problemi nella sede dell’Ufficio di Polizia di Stato di Luino. Gli agenti in servizio nel Commissariato di Luino, che ricopre anche il ruolo di Polizia di Frontiera, sono 69. Il sindaco di Luino, Andrea Pellicini, ha fatto presente al ministro dell’Interno, Angelino Alfano, che il loro lavoro è molto importante per la zona sia perché devono pattugliare ben 12 valichi tra Italia e Svizzera, sia perché il territorio luinese è vasto. Settimanalmente, inoltre, quattro agenti sono impegnati negli accompagnamenti di extracomunitari sia all’interno del Paese che all’estero. La questione che si solleva è la mancata scelta di sostituire ben sette agenti, che sono stai trasferiti altrove, aggiungendoli al personale presente. In questo modo da 69 il numero di agenti scenderebbe a 60, anche a causa di due operatori prossimi al pensionamento.

La preoccupazione dell’amministrazione Pellicini. A fronte di questo, il sindaco di Luino ha espresso tutta la sua preoccupazione perché in un territorio vasto come quello di Luino il lavoro di sette agenti è molto importante. Questa decisione, di non rimpiazzare gli agenti in partenza, potrebbe comportare alcune criticità soprattutto nell’efficacia e nella frequenza dei controlli sul territorio a garanzia della pubblica sicurezza dei cittadini luinesi e dei tanti turisti che visitano le zona lacustri dell’alto Varesotto. La richiesta del sindaco Pellicini al ministro dell’Interno è quella di sostituire gli agenti, con nuovi operatori che stanno portando a termine il corso di formazione.

L’intera lettera del sindaco di Luino sul “Settore Polizia di Frontiera e sul Commissariato di Polizia di Stato di Luino.

“Ill.mo Sig. Ministro,

mi permetto di scriverLe al fine di rappresentarLe una serie di criticità che stanno compromettendo il normale andamento dell’Ufficio di P.S. a Luino, avente la duplice valenza di Polizia di Frontiera e di Commissariato di Pubblica Sicurezza.

L’organico di questo Ufficio, attestato in almeno 69 unità, deve fronteggiare quotidianamente disparati servizi, tra cui la vigilanza con pattuglie di retro-valico di ben 12 valichi tra Italia e Svizzera, il controllo di un territorio molto vasto quale è quello di Luino e zona, con relative azioni di pronto intervento e di soccorso pubblico, accompagnamenti settimanali di extracomunitari sia all’interno del Paese che all’estero (con impegno di almeno 4 operatori), aggregazioni presso altri Uffici di Polizia di Frontiera in particolare in aeroporti anche del Centro-Sud (con impegno per tutta la stagione estiva di almeno 10 unità). Oltre all’inderogabile attività di Polizia Amministrativa – Sociale e dell’Immigrazione, che soddisfa le esigenze del popoloso distretto che raggruppa più di 40 Comuni.

Recentemente ho appreso che l’Ufficio di P.S. di Luino sarà privato – come mai avvenuto in precedenza – di ben 7 Agenti/Assistenti che – senza rimpiazzo – dovranno raggiungere le loro destinazioni entro fine settembre. Con ciò l’organico di Luino scenderà a 60 unità, considerati anche 2 operatori prossimi al pensionamento.

Preoccupano questa Amministrazione le possibili ricadute di tale disposizione che – come detto, in considerazione delle numerose attività in capo al predetto Ufficio ed anche dei molteplici servizi (missioni, aggregazioni, ecc.) che distolgono quotidianamente buona parte del personale – potranno comportare criticità soprattutto nell’efficacia e nella frequenza dei controlli sul territorio a garanzia della pubblica sicurezza dei nostri cittadini e dei tanti turisti che visitano i nostri luoghi.

Le chiedo, pertanto di voler intervenire personalmente affinché il Ministero voglia rimpiazzare i sette operatori trasferiti, magari attingendo dai quasi 1.400 neo agenti che entro settembre completeranno il corso di formazione, al fine di ripristinare le normali condizioni di operatività del Commissariato di Luino.

Scrivo per doverosa conoscenza ai Signori Parlamentari eletti in Provincia di Varese, chiedendo anche a loro di rappresentarLe la situazione di difficoltà sopra descritta.

Ringrazio per l’attenzione e fiducioso in un Suo positivo riscontro, sono a porgerLe i miei migliori saluti.

IL SINDACO  (Avv. Andrea PELLICINI)”

Vuoi lasciare un commento? | 0

I commenti sono chiusi.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127