13 Marzo 2014

Luino (VA): quando si potrà tornare a passeggiare sul lungolago?

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Sono quasi giunti alla conclusione i lavori di miglioramento che riguardano il lungolago di Luino, dove una volta sorgeva il parcheggio che si estendeva dal Palazzo Verbania all’Imbarcadero. Il progetto, costato all’incirca 650mila euro, prevede una totale riqualificazione dell’area che permetterà delle tranquille passeggiate nel centro di Luino.

Il cantiere aperto nel parcheggio tra il Palazzo Verbania e l'imbarcadero, a Luino

Il cantiere aperto nel parcheggio tra il Palazzo Verbania e l’imbarcadero, a Luino

Sono in dirittura di arrivo i lavori di riqualificazione dell’area tra il Palazzo Verbania e l’Imbarcadero di Luino. La consegna, infatti, è prevista per metà aprile, a pochi giorni da Pasqua. Così, finalmente, anche Luino potrà godere di una “completa” passeggiata sul lungolago di pregevole caratura, portandola a competere, turisticamente parlando, con tutte le altre cittadine lacustri presenti in zona.

Il progetto, diviso in due lotti, porterà alla nascita di un’area verde simile a quella che ha visto coprire il parcheggio (zona Avav), facendo nascere il “Parco a Lago”. Per contenere le spese, il Comune ha modificato il progetto iniziale che prevedeva la costruzione di una fontana a ridosso dell’acqua, che poi è stato appunto accantonato, per diminuire il costo finale dell’opera che si aggira attorno ai 650 mila euro. In questo modo, e con l’ausilio delle aiuole e del legno, verrà abbellita una zona che era utilizzata come parcheggio per automobili, rimanendo, però, sempre buia ed isolata nonostante fosse nel centro di Luino. Nei prossimi mesi, tra questa nuova area verde ed il “Parco a Lago”, inoltre, con tutta probabilità verrà costruita una zona pedonale e pedalabile che collegherà il centro di Luino fino all’attuale pista ciclabile che percorre tutto il fiume Margorabbia verso Cuveglio.

Per quanto concerne la ristrutturazione dell’imbarcadero, all’interno del terzo lotto, la consegna dei lavori è prevista per fine maggio. La prima ditta che aveva preso in appalto i lavori, andando in fallimento, è stata sostituita da un’altra che a sua volta renderà più attraente uno scorcio del Lago Maggiore che si estende fino al Bar Clerici, reso famoso per l’amore che nutriva nei suoi confronti Piero Chiara, il quale passava giornate intere, proprio lì, ammirando il Lago. Ancora, però, non è stato deciso il destino dell’ex bar dell’Imbarcadero, il quale verrà sicuramente ristrutturato, ma l’amministrazione deve ancora scegliere il tipo di destinazione d’uso che avrà.

“E’ un’immensa soddisfazione per la mia amministrazione – spiega il sindaco di Luino, Andrea Pellicini -. Finalmente a metà aprile si concluderanno i lavori in quest’area centrale, troppo poco valorizzata in passato. Così facendo, consegneremo a tutti i cittadini quello che aspettavano da tempo, vale a dire la possibilità di poter passeggiare tranquillamente sul lago, in una zona contornata dal verde. Portiamo a termine un adempimento che ci siamo presi nei loro confronti, regalando a tutti, così, la possibilità di apprezzare la bellezza del nostro lago. Con quest’opera siamo sicuri che aumenterà anche il flusso turistico nei prossimi mesi primaverili ed estivi.”

La riqualificazione della sponda del Lago Maggiore a Luino, infine, dovrebbe arrivare fino a “Le Serenelle” ed in totale il progetto prevede l’assegnazione di lavori per altri otto lotti. Il prospetto riguarderebbe anche il porto vecchio e tutto lo storico lungolago che negli ultimi anni è stato eccessivamente trascurato. Per questa grande opera, che andrà ad incidere notevolmente nelle casse del Comune di Luino, però, ci sarà da aspettare.

Vuoi lasciare un commento? | 0

I commenti sono chiusi.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127