30 Aprile 2017

Luino, Taldone: “Stop alla discriminazione nei confronti dei nostri frontalieri”

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Duro comunicato contro la politica ticinese, quello arrivato dal consigliere provinciale e capogruppo de “La Grande Luino”, Giuseppe Taldone, che si schiera in difesa dei frontalieri italiani e contro l’iniziativa popolare “Prima i nostri”, che nelle prossime settimane sarà trasformata in legge. Il tema dei frontalieri, anche a causa dell’annuncio della presentazione di una mozione sulla chiusura del valico di Cremenaga in consiglio comunale, proprio da parte di Taldone, continua a tenere banco. Solo oggi pomeriggio, infatti, è arrivato anche l’attacco della Lega Nord.

Giuseppe Taldone, consigliere provinciale e capogruppo “La Grande Luino”

Luino, Taldone: “Stop alla discriminazione nei confronti dei nostri frontalieri”. “Leggo con tristezza sul Corriere di Como che l’iniziativa popolare ticinese ‘Prima i nostri’ contro il lavoro frontaliero deve ora essere trasformata in legge. Nei regolamenti attuativi si propone il licenziamento ogni cinque anni (scadenza del permesso di lavoro) dei frontalieri. In pratica le aziende e le società ticinesi dovrebbero verificare ogni lustro la presenza di eventuali disoccupati svizzeri prima di assumere nuovamente i lavoratori frontalieri. L’intransigenza discriminatoria di alcune formazioni elvetiche sta facendo emergere in Canton Ticino una politica dell’assurdo tale per per cui sei un datore di lavoro ed hai un ottimo e qualificato personale frontaliero, lo deve comunque lasciare a casa per investire sulla formazione di un disoccupato solo perché svizzero o comunque residente in Svizzera. Immaginiamo cosa potrebbe accadere ai tanti nostri italiani frontalieri, con moglie e mutuo a carico, se dovesse passare una simile legge. Non lo accettiamo e al di là di ogni schermaglia o teatrino politico anche noi allora diciamo ‘Prima i nostri’, ossia tutti uniti e compatti nel difendere i diritti dei nostri connazionali.

Esattamente come fece il sindaco di Luino Andrea Pellicini, non più tardi di un paio di anni fa, quando a gran voce dichiarò alla stampa ‘non abbiamo avuto paura di Giuliano Bignasca e non avremo oggi timore nel difendere i nostri frontalieri dagli attacchi ingiusti e fuori dal tempo della Lega Ticinese‘. La mozione che ho presentato in Comune a Luino, che spero sarà approvata all’unanimità nel prossimo consiglio comunale, va proprio nella direzione auspicata qualche tempo fa dal Sindaco. Per tale ragione o la si vota oppure no: sarà un utile spartiacque per capire meglio la politica locale, ma non solo. La chiusura del valico di Cremenaga negli orari notturni non va interpretata come un fatto marginale e di scarso significato, ma va collocata all’interno di un clima discriminatorio verso i nostri lavoratori frontalieri, che da alcuni anni si sta consolidando in Canton Ticino grazie all’azione di alcuni politici estremisti. Noi non staremo certo con le mani in mano ma, insieme a coloro che amano non solo a parole i nostri frontalieri e sentono il bisogno di tutelarne diritti e dignità, saremo pronti a ogni forma utile di iniziativa politica ed istituzionale possibile”.

Vuoi lasciare un commento? | 0

I commenti sono chiusi.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127