24 Dicembre 2016

Germignaga, gli auguri di Fazio: “Lavoriamo insieme per il bene della comunità”

Tempo medio di lettura: 3 minuti

Come da tradizione, il sindaco di Germignaga, Marco Fazio, ha mandato un messaggio nelle case delle famiglie residenti in paese, per esprimere i suoi auguri di buone feste. Oltre a fare un bilancio di quanto fatto dalla sua amministrazione nel corso di quest’anno, il primo cittadino parla delle sfide importanti che, insieme ai suoi assessori e consiglieri, dovrà affrontare nel corso del 2017. Ecco la lettera integrale.

Germignaga, il sindaco Fazio e il gruppo Pd replicano alla minoranza sul post Referendum

Germignaga, gli auguri di Fazio: “Lavoriamo insieme per il bene della comunità”.

“Carissimi concittadini,

come è ormai consuetudine, scrivo questo breve messaggio per rivolgere a tutti voi e alle vostre famiglie un pensiero e un augurio in occasione delle festività natalizie. Spero che questo periodo festivo possa essere segnato dalla possibilità di gustare vera condivisione insieme a coloro che amiamo, dalla gioia che vediamo nei più piccoli, da una diversa qualità del tempo. A chi sta vivendo momenti di difficoltà, l’augurio che il nuovo anno possa segnare una svolta positiva e la promessa di una vicinanza da parte dell’Amministrazione, per quanto possibile.

È inevitabile cadere nella tentazione di un bilancio di quest’anno, che ha segnato, peraltro, il raggiungimento del “giro di boa” del nostro mandato amministrativo. Lo potrete ritrovare nel “bilancio in chiaro”, che anche quest’anno viene inviato a tutte le famiglie, ma mi sembra comunque opportuno ricordare alcune tappe significative: l’inaugurazione della Casa dell’Acqua; la realizzazione degli attesi parcheggi in via Matteotti, che hanno finalmente liberato quella strada dalle auto in sosta; gli interventi al Parco delle Fontanelle e dell’area giochi al parco Boschetto, l’eliminazione delle barriere architettoniche in piazza XX Settembre, insieme ai consueti lavori di ripristino del manto stradale e dei tratti in porfido. A fianco degli interventi “concreti”, alcune azioni significative: il sempre maggiore utilizzo della rinata Colonia Elioterapica, ormai divenuta un centro culturale di prim’ordine nell’Alto Varesotto; la rinnovata collaborazione con Pro Loco, visibile anche nelle strade vestite a festa dalle luminarie in questi giorni; il tentativo di essere sempre più vicini ai cittadini, con scelte piccole, ma significative, come l’ampliamento del servizio scuolabus o l’introduzione dei pagamenti elettronici. Vorrei citare per ultimo, non in ordine di importanza, il progetto voucher, che ha permesso a cinque persone di ottenere un lavoro nel periodo estivo: grazie alla loro opera, sono state possibili piccole manutenzioni, nonché alcuni significativi interventi di pulizia in paese e sulle spiagge.

C’è di che essere soddisfatti? Sì, soprattutto se osserviamo che, rispetto al programma presentato a inizio mandato siamo a buon punto. Eppure non ci basta: l’anno prossimo vorremmo puntare su strade ancora più sicure, su un paese più vivibile, su un confronto sempre più vivo e diretto con la popolazione, un punto centrale del nostro programma, su cui dobbiamo impegnarci di più, e si sa che l’inizio dell’anno è quello dei buoni propositi (da mantenere nei restanti dodici mesi).

Uscendo dalle questioni amministrative, voglio riprendere alcune delle parole che ho usato per salutare al suo ingresso in Germignaga il nuovo parroco Don Marco: ‘Forse, la meta, l’obiettivo di un sindaco e di un parroco è lo stesso: ci è affidato il compito di prenderci cura delle persone, ricucire gli strappi, fare in modo che nessuno si senta solo o abbandonato. E’ fare comunità. Camminando per, e con Germignaga, scoprirai una comunità ricca, viva, fiera del suo esistere. Abbiamo un ricco tessuto associativo, tante persone animate da voglia di fare, un bel senso di appartenenza. Abbiamo la fortuna di un territorio unico e bellissimo, ricco di strutture che speriamo di poter continuare ad usare, insieme, per il progresso spirituale, culturale e materiale della nostra gente. […] Siamo, insieme, sullo stesso fronte, a cercare di rispondere ad una crisi economica, sociale e talvolta anche valoriale che non deve lasciare sgomenti, ma spingere a impegnarsi sempre di più. Camminando per Germignaga, dalle pietre antiche del San Giovanni fino alle case dei Premaggi, ti accorgerai che il nostro paese sta cambiando, vive un passaggio nella propria identità dopo la fine dell’epoca delle fabbriche; vede la nostra gente smarrita dalle crisi industriali, dalla fatica di restare qui per i giovani, dalla dura condizione del frontalierato verso la Svizzera. La nostra gente vede aumentare sempre più i capelli bianchi e talvolta fatica a comprendere le dinamiche che portano la nostra comunità ad essere composta, ormai, da ben ventisette nazionalità differenti’.

Come esprimevo nella conclusione di quel saluto, sono sfide importanti, cui rispondere con semplicità e inventiva, ma soprattutto senza timore. Una cosa, però, è fondamentale: le cose belle non si fanno da soli, le cose difficili hanno bisogno di tante mani. E’ con questo spirito che rivolgo a tutti un invito a spendersi sempre di più per la nostra comunità, in una delle tante forme possibili. Lo si può fare prendendosi cura dell’anziano vicino di casa, accogliendo con un sorriso la famiglia giunta da poco in paese, o mettendosi a disposizione delle tante realtà associative e solidali presenti (e mi si permetta un cenno di attenzione particolare per il gruppo di Protezione Civile). Siamo, tutti, orgogliosi della nostra Germignaga: continuiamo a costruirla, giorno per giorno, con l’impegno di cui siamo capaci”.

Vuoi lasciare un commento? | 0

I commenti sono chiusi.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127