4 Agosto 2016

Via libera del consiglio di amministrazione Rai alle nomine ai tg. Fornaro e Gotor lasciano la Vigilanza

Tempo medio di lettura: 3 minuti

Il Cda Rai, a quanto si apprende, approva a maggioranza le nomine dei nuovi direttori delle testate giornalistiche della Rai proposti dal Dg Antonio Campo Dall’Orto: Ida Colucci al Tg2, Luca Mazzà al Tg3, Andrea Montanari al Gr e Nicoletta Manzione a Rai Parlamento. Hanno votato contro i consiglieri Arturo Diaconale, Carlo Freccero, Giancarlo Mazzuca. Critici Rita Borioni e Franco Siddi che, però, hanno votato a favore.

(ilgiornale.it)

(ilgiornale.it)

Via libera del consiglio di amministrazione Rai alle nomine ai tg. Ida Colucci è promossa al Tg2 al posto di Marcello Masi, Luca Mazzà scelto per sostituire Bianca Berlinguer al Tg3, Andrea Montanari al Gr-Radio1 e Nicoletta Manzione a Rai Parlamento. Restano in sella Mario Orfeo al Tg1 e Vincenzo Morgante alla TgR. Sei i voti favorevoli. Hanno votato contro Arturo Diaconale, Giancarlo Mazzuca e Carlo Freccero. L’ex direttrice del Tg3 Bianca Berlinguer condurrà uno spazio pomeridiano di approfondimento su Rai3 alle 18.30 dal lunedì al venerdì, poi da febbraio anche una doppia seconda serata settimanale. Questo – secondo quanto si apprende – l’accordo trovato tra la giornalista e i vertici di Viale Mazzini. L’ex direttore del Tg2 Marcello Masi dovrebbe invece entrare, come vice, nella squadra del direttore per l’Offerta informativa Carlo Verdelli.

I senatori della minoranza Pd Federico Fornaro e Miguel Gotor annunciano le dimissioni dalla Vigilanza. “Il Partito democratico non è nato per riprodurre i vizi del passato, ma per cambiare l’Italia e, convinti che un altro Pd sia possibile, ci dissociamo da uno stile e da un costume politico che non ci appartiene e coerentemente rassegniamo le nostre dimissioni dalla Commissione di Vigilanza Rai”. Per i due senatori dem “le nomine dei nuovi direttori generali rispondono a una logica di normalizzazione dell’informazione pubblica, alla vigilia di importanti scadenze politiche e istituzionali e nulla hanno a che vedere con il progetto di una ‘nuova Rai’ promesso dal Pd e dall’attuale governo e oggi platealmente disatteso”. “In realtà – sottolineano – siamo di fronte a pratiche e a logiche di una gravità tale da evocare il tema della questione morale di Enrico Berlinguer, quando, nel 1981, denunciava l’occupazione da parte dei partiti di governo delle principali istituzioni dello Stato, Rai compresa”. “Le nomine Rai sono state fatte in modo non trasparente – dicono – penalizzando competenze e professionalità interne, come ad esempio nel caso di una giornalista autorevole quale Bianca Berlinguer, senza che emergano un profilo e una visione di un moderno servizio pubblico”.

Sulle nomine arriva anche la dura nota di Usigrai e Fnsi. “È ormai evidente che non esiste nessun piano – scrivono – Così come è chiaro che esisteva solo la necessità di occupare nuove poltrone. Non cadremo certo nella trappola di parlare di questo o quel direttore. Quello che ci interessa è che si chiamino le cose con il loro nome: occupazione di posti e pura lottizzazione. Questo è stato deciso dal Direttore generale e votato oggi, per di più a maggioranza, dal Cda della Rai”. “La scelta di interni, più volte da noi chiesta, non ci fa cambiare idea: noi abbiamo sempre detto che volevamo prima un progetto, per poi individuare i profili adatti. Da oggi perlomeno – aggiungono – è svelato pubblicamente il bluff di chi, al vertice dell’azienda come in consiglio di amministrazione, è arrivato come sedicente innovatore e si è rivelato per quello che è: conservatore, reazionario, come nei momenti più bui della Prima Repubblica”.

Il post di Masi. La mia avventura di “cinque anni al Tg2 finisce qua – scrive in un post sulla propria pagina Facebook Marcello Masi, appena sostituito da Ida Colucci al timone del Tg2 – Voglio ringraziare tutti quelli che mi hanno accompagnato con professionalità e lealtà e in tanti casi con affetto. Siamo stati una prima linea del Servizio Pubblico importante che ha illuminato periferie e deboli. Vado via da qui con la coscienza a posto e con orgoglio. Ora per me si apre un altro importante capitolo professionale a Viale Mazzini, spero di essere all’altezza. Cave canem!”. (ADNKRONOS)

Vuoi lasciare un commento? | 0

I commenti sono chiusi.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127