23 Maggio 2016

Strage di Capaci, da Corleone a Milano l’Italia ricorda il giudice Falcone

Tempo medio di lettura: 4 minuti

Italia unita oggi nel ricordo di Giovanni Falcone, Paolo Borsellino, Francesca Morvillo e degli agenti delle loro scorte, 24 anni dopo la strage di Capaci. Cinquantamila studenti di tutto il Paese per un grande coro contro la mafia e per la legalità. Il capoluogo siciliano cuore dell’evento “Palermo chiama Italia”, organizzato dalla Fondazione “Giovanni e Francesca Falcone”, con la Direzione generale per lo studente del ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, che si estende a tutto il Paese, toccando altre otto città italiane, in cui cittadini e studenti sono presenti per dare testimonianza del loro impegno per la legalità: Milano, Gattatico, Firenze, Napoli, Roma, Pescara, Bari, Barile.

Strage di Capaci, da Corleone a Milano l’Italia ricorda il giudice Falcone. Piazze della legalità collegate con l’Aula Bunker del carcere Ucciardone di Palermo – 30 anni dopo l’inizio, proprio qui, del maxiprocesso, il 10 febbraio 1986 – a partire da questa mattina alle 9.45 con una diretta su Rai Uno. All’esterno un grande villaggio della legalità, simbolo oggi del Paese. Tra i presenti nell’aula bunker, davanti a 800 studenti, il presidente del Senato Pietro Grasso, il ministro dell’Istruzione Stefania Giannini, il ministro della Giustizia Andrea Orlando, il presidente della Fondazione “Giovanni e Francesca Falcone” Maria Falcone.

“Il 23 maggio è una data incancellabile per gli italiani. La memoria della strage di Capaci – a cui seguì la barbarie di via D’Amelio in una rapida quanto disumana sequela criminale – è iscritta con tratti forti nella storia della Repubblica e fa parte del nostro stesso senso civico”. Lo scrive il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in un messaggio inviato a Maria Falcone, presidente della Fondazione Giovanni e Francesca Falcone. “Un assassinio – continua Mattarella – a un tempo, che ha segnato la morte di valorosi servitori dello Stato, e l’avvio di una riscossa morale, l’apertura di un nuovo orizzonte di impegno grazie a ciò che si è mosso nel Paese a partire da Palermo e dalla Sicilia, grazie alla risposta di uomini delle istituzioni, grazie al protagonismo di associazioni, di giovani, di appassionati educatori e testimoni”. “In questa giornata altamente simbolica desidero esprimere la mia vicinanza e la mia gratitudine a tutti voi presenti nell’aula bunker, a chi non si è mai scoraggiato nella battaglia contro le mafie, contro l’illegalità e contro la corruzione, a chi lo ha fatto a costo di sacrificio personale e a chi ha compreso il valore della cultura della legalità, che vive anzitutto nell’agire quotidiano”. “Ringrazio, in particolare, Maria Falcone, dalla cui passione – prosegue Mattarella – è scaturita una grande energia positiva, che contribuisce a sostenere reti di cittadinanza attiva e prosciugare così quel retroterra in cui la criminalità e il malaffare cercano di piantare le proprie radici. Quest’anno ricorre il trentesimo anniversario del maxiprocesso ai vertici di Cosa Nostra, frutto di un lavoro di qualità, intelligenza, impegno straordinari, di cui Giovanni Falcone e Paolo Borsellino furono artefici essenziali”. L’evidenza giudiziaria della mafia, e le numerose condanne sancite nelle sentenze, travolsero antiche omertà e ipocriti opportunismi, offrendo allo Stato e alla comprensione degli italiani quanto esplicito e intollerabile fosse l’attacco alla democrazia e alla convivenza”. “Il maxiprocesso fu una pietra angolare, premessa anche di quella mobilitazione delle coscienze che si manifestò dopo gli assassini di Falcone, di Borsellino, di Francesca Morvillo, degli uomini e delle donne delle scorte, Rocco Dicillo, Vito Schifani, Antonio Montinaro, Walter Eddie Cosina, Claudio Traina, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Agostino Catalano”. “Il maxiprocesso – osserva ancora Mattarella nel messaggio trasmesso a Maria Falcone – ha dimostrato come lo Stato sappia reagire. Come gli anticorpi della mafia siano presenti nelle istituzioni e agiscano grazie all’opera di magistrati e di uomini delle forze dell’ordine. Il 23 maggio dello scorso anno, insieme a molti di voi, ho ascoltato alcune letture di studenti palermitani”. “Una di queste era una citazione di Giovanni Falcone: ‘la mafia non è affatto invincibile. Si può vincere non pretendendo l’eroismo da inermi cittadini ma impegnando in questa battaglia tutte le forze migliori delle istituzioni’. E’ questo il nostro obiettivo”. “Per realizzarlo occorre che la società sia viva, che la scuola aiuti a formare giovani cittadini attivi e responsabili, che la cultura sia un patrimonio accessibile e offra opportunità a tutti, che lo sviluppo economico riduca e allarghi la forbice delle diseguaglianze e delle ingiustizie sociali. Il vostro impegno di oggi – assicura infine Mattarella – è una garanzia che questo percorso di riscossa contro le mafie proseguirà”.

Maria Falcone: “Mi emoziona sempre entrare in quest’aula sapendo che qui è iniziato quell’avvenimento mondiale che è stato il maxi processo. Un processo che ha sancito il successo di un metodo ma che ha anche segnato la condanna a morte di Giovanni (Falcone ndr), Paolo (Borsellino ndr) e Francesca (Morvillo ndr)”. Lo ha detto Maria Falcone, sorella del giudice ucciso da Cosa Nostra, intervenendo all’aula bunker del carcere Ucciardone di Palermo nel giorno del 24esimo anniversario della strage di Capaci. Maria Falcone ha anche ringraziato “tutti i magistrati e le forze dell’ordine che lavorano per garantire la giustizia in questo Paese”. “Dal mio osservatorio privilegiato, cioè andando fra i giovani, devo dire che tanto è cambiato – ha detto Maria Falcone a margine della cerimonia – Soprattutto grazie ai nostri insegnanti, i giovani a poco a poco stanno creando una società diversa. Ed è per questa speranza, e per far sì che forse finalmente si avveri quel che diceva Giovanni che ‘la mafia è un fatto umano e avrà una sua fine’, che siamo qua: per dare ai nostri giovani quei valori necessari per creare una società diversa”.

Il programma del pomeriggio. Nel pomeriggio – tra le 15.30 e le 16.30 – i due cortei: uno dall’Aula Bunker e l’altro da Via d’Amelio, per ritrovarsi davanti all’Albero Falcone per celebrare insieme il momento solenne del Silenzio suonato dalla Polizia di Stato alle 17.58, ora della strage. Sulla scalinata del Teatro Massimo il coro “Arcobaleno”, composto da studenti delle comunità immigrate di Palermo, apre la giornata eseguendo l’Inno d’Italia e altri brani del repertorio musicale sia classico che moderno, a Piazza Magione, presso il Teatro Biondo e presso le scuole di Palermo con iniziative sui temi della legalità attraverso l’utilizzo di diverse forme espressive: musica, dibattiti, proiezioni cinematografiche e performance teatrali. Presso l’Aula Magna delle “Scuole Giuridiche, economiche e sociali” dell’Università di Palermo, incontro congiunto promosso da tutte le associazioni universitarie per presentare il protocollo d’intesa tra Miur-Fondazione Falcone-Crui-Cnsu. Alle 19 una messa nella Chiesa di San Domenico dove riposano le spoglie di Giovanni Falcone.

Vuoi lasciare un commento? | 0

I commenti sono chiusi.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127