17 Febbraio 2016

Maccagno: domani sera all’Auditorium il ricordo del Ragioniere e Cavaliere Bruno Compagnoni

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Sono ormai passati dieci anni dalla scomparsa del Ragioniere e Cavaliere della Repubblica, Bruno Compagnoni, avvenuta il 18 febbraio 2006. Domani sera verrà ricordato all’Auditorium di Maccagno con Pino e Veddasca, a lui intitolato, in un evento in cui si esibiranno gli Acoustic Dreams, di Anna Torri, e la Frank D’Amico Band. Tra i due concerti ci sarà un piccolo pensiero dedicato proprio al compianto Compagnoni.

Il ragionier e Cavalier Bruno Compagnoni

Il ragionier e Cavalier Bruno Compagnoni

Maccagno: domani sera all’Auditorium il ricordo del Ragioniere e Cavaliere Bruno Compagnoni.  Un piccolo omaggio dedicato al Ragionier e Cavaliere Bruno Compagnoni si terrà domani sera presso l’Auditorium di Maccagno con Pino e Veddasca. A partire dalle ore 20 saranno gli Acoustic Dreams di Anna Torri ad allietare i presenti, seguiti dalla Frank D’Amico Band. Tra un concerto e l’altro, invece, ci sarà un momento simbolico in cui si ricorderà proprio la figura di Bruno Compagnoni. “Nostro papa è stato un uomo che la storia del nostro territorio, interpretandola, ha contribuito a scriverla. L’Auditorium ‘Bruno Compagnoni’ a lui dedicato è un autentico volano culturale, insieme ad altre preziose strutture di un paese che ha saputo intuirsi e conseguentemente pur dialetticamente amministrarsi. Domani, esattamente a dieci anni dalla scomparsa, sarà un’occasione di incontro, aperto, libero e semplice, nel quale sarebbe particolarmente piacevole ritrovarsi”, commentano i figli Franco e Davide Compagnoni.

La figura del Ragioniere e Cavaliere, Bruno Compagnoni. “Quella di Compagnoni – si leggeva sul Corriere del Verbano di allora – è stata una figura davvero importante per il paese, dove era nato 80 anni fa. Ragioniere, trascorse una vita intera a servizio dell’ente pubblico. Una trentennale carriera di segretario comunale lo vide impegnato, oltre che a Maccagno, anche a Pino e a Veddasca. Incarnò l’esempio dell’uomo completamente dedito al suo lavoro e parecchie delle sue intuizioni aprirono tanti degli orizzonti che oggi appartengono alla quotidianeità. Restò in Comune fino al 1985, prima di passare alla Comunità Montana Valli del Luinese. Quatro anni al timone della segreteria, un’esperienza non nuova, iniziata nel 1957 con il Consiglio di Valle, poi divenuta “Veddasca-Dumentina” allora con sede a Maccagno. Fu consigliere della Banca Popolare di Luino e di Varese e dei Lions, per anni rappresentò, inoltre, il Comune di Maccagno nel consiglio del Bacino imbrifero montano. Ebbe un ruolo fondamentale anche nell’intuizione e nella nascita del Civico Museo, di cui fu socio fondatore e nel cui consiglio di amministrazone ancora risiedeva. Fino alla fine, è stato anche revisore dei conti dell’associazione di volontariato ‘Solidarietà'”.

E’ sempre stato un punto di riferimento per tutti, sia per consigli sia per aiuti disinteressati, dando sempre prova di notevole altruismo, capacità e rettitudine.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127