27 Ottobre 2015

Migranti, Donal Tusk: “L’emergenza e la crisi potrebbero distruggere Schengen”

Tempo medio di lettura: 1 minuto

L’attuale crisi migratoria “purtroppo non farà che deteriorarsi, e può distruggere conquiste come la libera circolazione delle persone previste dal trattato di Schengen”. E’ questo il monito lanciato dal presidente del Consiglio europeo, Donald Tusk, intervenendo nell’Aula del Parlamento europeo, a Strasburgo.

(independent.co.uk)

(independent.co.uk)

Per l’ex premier polacco l’Ue rischia un vero e proprio terremoto. “La crisi può creare scosse tettoniche nel panorama politico europeo”. Nel suo intervento all’Europarlamento, il presidente Jean Claude Juncker ha affermato che Se un Paese compie uno sforzo straordinario per far fronte all’emergenza profughi, questo sarà riconosciuto nella valutazione dei bilanci nazionali da parte della Commissione. “Il patto di stabilità e crescita sarà applicato – ha sottolineato Juncker – tenendo conto degli sforzi straordinari dei paesi che ne fanno. Le regole contengono un margine di flessibilità che verrà utilizzato”.

“Fra i grandi paesi ce ne sono anche che non fanno abbastanza. Solo chi dimostrerà di compiere sforzi avrà diritto alla flessibilità”, ha precisato. Poi ha aggiunto: “Non dovrebbe essere ammissibile che Paesi non si parlino, e quello che è accaduto domenica dimostra che non ci troviamo in buone condizioni”. Parlando della riunione straordinaria dei capi di Stato e di governo dei Paesi interessati dalla rotta dei migranti dei Balcani occidentali, Juncker ha sottolineato che “la riunione di domenica non avrebbe dovuto essere convocata, ma avvenire in modo volontario, e questo, ripeto, dimostra che l’Ue non versa in buone condizioni”. (AGI)

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127