12 Agosto 2015

Grecia, Tsipras fiducioso sull’accordo. La Germania: “Chiariremo posizione entro fine settimana”

Tempo medio di lettura: 2 minuti

La Germania farà conoscere la sua posizione sull’accordo raggiunto ieri tra la Grecia e i creditori internazionali “entro la fine della settimana”. Lo ha detto il portavoce del governo di Berlino, Steffen Seibert, in un briefing con i giornalisti. “Noi riteniamo di poter prendere posizione sul tema entro il weekend”, ha fatto sapere, dando atto all’esecutivo di Atene di aver avuto durante questi negoziati un atteggiamento “costruttivo come non si vedeva da tempo”.

(telegraph.co.uk)

(telegraph.co.uk)

Tsipras: “Fiducioso su conclusione accordo”. Il premier greco Alexis Tsipras si è detto “fiducioso” sulla conclusione dell’accordo raggiunto ieri. Il primo ministro ha parlato dopo che l’esecutivo ha presentato al Parlamento la bozza di intesa con Ue, Bce, Fmi ed Esm, sottolineando tra l’altro il fallimento di chi, nella zona euro, “aveva un piano nascosto per ristrutturare l’eurozona servendosi della Grecia”.

Le riserve espresse ieri dalla cancelliera tedesca Angela Merkel. Fonti del governo greco avevano riferito che la cancelliera tedesca Angela Merkel aveva espresso ieri le sue riserve sull’intesa raggiunta in una telefonata con il collega ellenico, insistendo sull’ipotesi di un prestito ponte per coprire i pagamenti urgenti in attesa che vengano meglio definiti i contenuti del bailout da 86 miliardi di euro. Lo stesso concetto era stato ripetuto in un’altra telefonata lunedì, prima del raggiungimento dell’accordo. In entrambe le occasioni, riferiscono le fonti, Tsipras ha respinto il suggerimento tedesco.

Intanto è arrivato al Parlamento greco il testo dell’accordo. Lo riferiscono i media ellenici, precisando che il testo è stato depositato nella notte e adesso dovrà essere ratificato dai parlamentari greci. Il voto del parlamento di Atene potrebbe non arrivare prima dell’alba di venerdì. Il governo ha presentato oggi la bozza al parlamento sperando che potesse essere già esaminata in giornata dalle commissioni in vista del voto di domani. Ma la presidente della Camera, Zoe Constantopoulou, ha convocato una riunione con i suoi vice sui tempi per la plenaria, allungando di fatto i tempi, scrive il sito Ekathimerini. Il passo della Constantopoulou, esponente di Syriza contraria ai termini dell’intesa con Bruxelles, dovrebbe far slittare a domani l’esame delle commissioni a cui dovrà seguire il dibattito e il voto in aula. A questo punto è probabile che il voto giunga all’alba di venerdì, poche ore prima dell’inizio della riunione dei ministri delle Finanze dell’Eurogruppo che dovrà discutere dei dettagli dell’accordo.

Fonti Ue: “Nel 2015 l’economia della Grecia si contrarrà del 2,3%. Nel 2015 l’economia greca dovrebbe contrarsi del 2,3%. E’ la nuova previsione ulteriormente al ribasso fatta da fonti dell’Unione Europea, secondo cui sul dato influisce la chiusura delle banche ed il controllo dei capitali deciso nelle settimane scorse. A maggio, nelle previsioni di primavera, la Commissione europea aveva parlato di un aumento del pil dello 0,5% per l’anno in corso. “Ovviamente la situazione è peggiorata in modo significativo dopo l’imposizione del controllo sui capitali”, hanno detto le fonti Ue, che per il 2016 prevedono una contrazione del Pil dell’1,3% ed un ritorno alla crescita nel 2017, con un +2,7%. (ADNKRONOS)

Vuoi lasciare un commento? | 0

I commenti sono chiusi.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127