EMERGENZA CORONAVIRUS (ATTIVITÀ APERTE E CONSEGNE A DOMICILIO ) Segnalaci la tua attività Guarda tutte le attività
27 Maggio 2015

Castelveccana, busta con proiettile e minacce di morte al vicesindaco. 46enne denunciato dai Carabinieri

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Dopo i fatti che recentemente hanno interessato l’Assessore ai Servizi Sociali del Comune di Lavena Ponte Tresa (VA), oggetto di minacce da parte di un uomo in seguito arrestato dai carabinieri ed attualmente in carcere a Varese, un altro episodio ha visto coinvolto un amministratore comunale. Ieri mattina alcuni dipendenti comunali di Castelveccana hanno rinvenuto, all’interno del cortile del magazzino comunale di via Monte Grappa, una busta, indirizzata al vicesindaco, contenente una cartuccia calibro 12 e recante una minaccia di morte scritta con inchiostro di colore blu. Denunciato dai Carabinieri di Luino un 46enne del luogo, che ha ammesso subito le proprie responsabilità. Ha agito senza alcun motivo concreto.

(Foto di repertorio © greece.greekreporter.com)

(Foto di repertorio © greece.greekreporter.com)

Il ritrovamento della busta con una cartuccia calibro 12 e una minaccia di morte al vicesindaco di Castelveccana. Del ritrovamento sono stati subito avvisati i carabinieri della locale Stazione e quelli del Nucleo Operativo e Radiomobile di Luino, giunti per eseguire eventuali rilievi tecnici. Le indagini, avviate immediatamente con metodologie classiche, hanno subito avuto un esito positivo anche grazie alla visione degli impianti di videosorveglianza della zona, che hanno permesso di estrapolare dei filmati ritraenti, nella serata di lunedì, un uomo intento a lanciare qualcosa proprio all’interno del suddetto cortile. I carabinieri di Castelveccana hanno ben presto identificato l’autore in un 46enne del luogo, che, rintracciato presso la propria abitazione, è stato condotto in caserma a Luino per gli accertamenti del caso. L’uomo ha subito ammesso le proprie responsabilità .

Le indagini e la perquisizione della casa del 46enne da parte dei Carabinieri di Luino. Grazie alle indagini eseguite, i carabinieri hanno escluso che la condotta del 46enne fosse riconducibile al ruolo istituzionale del Vice Sindaco di Castelveccana. L’uomo, infatti, avrebbe agito senza alcun motivo concreto. Ma nonostante ciò l’attenzione dei carabinieri non è diminuita. I militari, infatti, hanno perquisito l’abitazione del 46enne. Nella casa i carabinieri hanno sequestrato alcune buste analoghe a quella trovata presso il magazzino, nonché la penna di colore blu, probabilmente utilizzata per scrivere la minaccia. I militari hanno altresì sequestrato due fucili, una pistola, 326 cartucce di vario calibro (alcune di quello simile alla cartuccia trovata nella busta), nonché oltre un chilo di polvere da sparo. Gli accertamenti hanno permesso di appurare che questo piccolo arsenale, seppur regolarmente denunciato e detenuto dal fratello del 46enne, risultava tuttavia custodito senza adottare le opportune cautele.

Il 46enne dovrà rispondere di minaccia aggravata, mentre il fratello di omessa custodia di armi e munizioni.

Vuoi lasciare un commento? | 0

I commenti sono chiusi.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127