18 Aprile 2015

Medio Oriente, Hamas: “Invitiamo a rapire gli israeliani, verranno scambiati con i palestinesi in carcere”

Tempo medio di lettura: < 1 minuto

E’ un invito a rapire cittadini israeliani, per poi scambiarli con palestinesi in carcere in Israele, quello che viene da un alto rappresentante del movimento islamico di Hamas nella giornata di solidarietà con i detenuti. Sono di ieri le parole che arrivano da Gaza, con le quali, ogni anno il 17 aprile, i cittadini palestinesi della Striscia di Gaza e della Cisgiordania manifestano in solidarietà con i circa seimila detenuti in Israele.

(timesofisrael.com)

(timesofisrael.com)

Le parole del palestinese Haya contro gli israeliani. “Diciamo al nemico sionista: voi siete tutti un obiettivo per noi e per la resistenza. Noi vi combatteremo fino a quando ci sbarazzeremo di voi e prenderemmo più ostaggi possibili per liberare i nostri eroi”, ha detto da Gaza Khalil al-Haya. “I nostri uomini, le nostre donne, i nostri bambini, tutti devono arrivare a rapire i vostri soldati e coloni, ovunque siano”, ha aggiunto.

“Il nemico sionista è responsabile di questo stato di cose”. “E questo è un nostro diritto perché non abbiamo altro modo per liberare i nostri eroi e perché il nemico sionista è responsabile per questo stato di cose”, ha detto Haya a una folla di centinaia di palestinesi. Haya si è quidii rivolto ai palestinesi in carcere, dicendo loro di “stare tranquilli” perché i gruppi militanti guidati dall’ala armata di Hamas, le Brigate Ezzedine al-Qassam, “vi libereranno come hanno fatto con i vostri fratelli” nel 2011. In quell’anno le autorità israeliane hanno scarcerato oltre mille detenuti palestinesi in cambio della liberazione del caporale israeliano Gilad Shalit. Ahmed al-Mudalal, altro esponente del movimento islamico palestinese, ha detto che “la resistenza non si fermerà fino a quando le carceri israeliane saranno svuotate dai prigionieri palestinesi”. (ADNKRONOS)

Vuoi lasciare un commento? | 0

I commenti sono chiusi.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127