15 Aprile 2015

Milano: a Palazzo Reale apre oggi, con polemiche, la mostra “Leonardo da Vinci 1452-1519. Il disegno del mondo”

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Palazzo Reale a Milano apre oggi le porte per la più grande esposizione mai realizzata in Italia dedicata a Leonardo: la mostra “Leonardo da Vinci 1452-1519. Il disegno del mondo”. Curata da Pietro Marano e Maria Teresa Florio, la rassegna resterà aperta fino al 19 luglio. Raccoglie oltre 200 opere provenienti da musei e istituzioni di tutto il mondo, tra cui Louvre e collezione Windsor.

(skiragrandimostre.it)

(skiragrandimostre.it)

Le polemiche sulla mancata presenza della Annunciazione degli Uffizi. All’apertura, tornano le polemiche, tutte italiane, per la mancata presenza in mostra della Annunciazione degli Uffizi, opera chiesta dagli organizzatori milanesi ma negata dai musei fiorentini, che pure hanno “prestato” a Palazzo Reale molte altre opere leonardesche. Dagli Uffizi sono state concesse a Milano molte opere di Leonardo: diversi disegni, la sua “Leda”, quadri di altri pittori tra cui Botticelli e Verrocchio, ma non l’Annunciazione.

“I rapporti internazionali più semplici di quelli italiani”. Per questo presentando ufficialmente la mostra il presidente di Skira, Massimo Vitta Zelman, che l’ ha ideata e prodotta, ha rilanciato la polemica: “I rapporti internazionali, come spesso accade in questo Paese, sono stati più semplici di quelli nazionali. Continuo a ritenere che a Palazzo Reale dovrebbe esserci anche l’Annunciazione degli Uffizi e avrei voluto che Franceschini sposasse con meno freddezza la questione”. Gli Uffizi avevano motivato la decisione sottolineando che, senza Annunciazione, per tutto il periodo della mostra milanese non sarebbe rimasta nel museo fiorentino alcuna opera di Leonardo. Il ministro era a suo tempo intervenuto per dire che “la politica non deve intervenire in decisioni che sono di competenza dei direttori dei musei”.

Le opere di Leonardo presenti a Palazzo Reale. A Milano c’è l’Annunciazione proveniente dal Louvre (che ha prestato anche “Ritratto di dama” e “San Giovanni Battista”). La Galleria Windsor della Regina Elisabetta ha concesso 30 disegni autografi. La Pinacoteca Ambrosiana ha prestato il “Ritratto di Musico” e ben 38 disegni del “Codice Atlantico”. In più la mostra ha l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica, e il Ministero dei Beni Culturali ha concesso in via eccezionale la garanzia di Stato.

L’Annunciazione degli Uffizi avrebbe dovuto essere accanto a quella del Louvre. La parete è stata lasciata vuota, forse volutamente. In tutto a Palazzo Reale saranno esposte oltre 200 opere, provenienti da un centinaio di musei e istituzioni di tutto il mondo. Le opere sono state organizzate secondo criteri tematici, “in modo da raccontare Leonardo non come un personaggio isolato, ma come un uomo con forti legami con la cultura fiorentina” ha spiegato Maria Teresa Florio, curatrice della mostra insieme a Pietro Marani. “Expo apre al mondo uno spazio di scoperta e di ricerca, perché i diritti fondamentali delle persone e dei popoli tornino a essere una priorità per tutti. Anche per questo Milano sceglie Leonardo”, ha scritto il sindaco, Giuliano Pisapia. “Leonardo ha trovato a Milano il luogo più fertile per il proprio lavoro” ha aggiunto l’assessore alla Cultura, Filippo Del Corno. (ANSA)

Vuoi lasciare un commento? | 0

I commenti sono chiusi.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127