22 Gennaio 2015

Ricerca, oltre il 90% trova il lavoro 4 anni dopo il conseguimento del titolo. All’estero si guadagna di più

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Nel 2014, a quattro anni dal conseguimento del titolo (2010), lavora il 91,5% dei dottori di ricerca mentre è in cerca di un lavoro il 7%. A sei anni dal conseguimento del titolo (2008) lavora invece il 93,3% e cerca un lavoro il 5,4%. E’ quanto emerge da uno studio dell’Istat che indica come “permane dunque il vantaggio competitivo associato al dottorato di ricerca”.

(liveuniversity.it)

(liveuniversity.it)

La situazione dei dottori di ricerca. Un importante e significativo risultato per lo studio dell’Istat sui dottorati di ricerca: a quattro anni dal titolo, lavora il 91,5%, mentre ne è in cerca solo per il 7%. In sei anni dal conseguimento del titolo, inoltre, i dottori percepiscono un reddito netto mediano mensile di 1.750 euro; a quattro anni il reddito dei dottori del 2010 è di 1.633 euro. Aumentano i dottori di ricerca che vivono all’estero: al momento dell’intervista sono il 12,9% con un aumento di 6 punti rispetto alla edizione del 2009. Il reddito da lavoro percepito da chi vive all’estero è sensibilmente più alto del valore totale (di 750 euro per la coorte del 2008 e 830 euro per la coorte del 2010).

L’occupazione e reddito nelle diverse aree disciplinari. L’occupazione, si legge nel Report, è elevata in tutte le aree disciplinari, in particolare tra i dottori delle Scienze matematiche e informatiche e dell’Ingegneria industriale e dell’informazione (oltre il 97% lavora a sei anni dal dottorato e oltre il 95% a quattro anni); risulta più bassa tra i dottori delle Scienze storiche, filosofiche, pedagogiche e psicologiche (intorno all’88% in media). A sei anni dal conseguimento del titolo, la quota di occupati con un lavoro a termine è pari al 43,7%, mentre raggiunge il 53,1% tra i dottori osservati a quattro anni. Il dato è in crescita rispetto all’indagine precedente, quando era del 35,1% e del 43,7%. Il 73,4% dei dottori occupati del 2008 e il 74,4% di quelli del 2010 svolgono attività di ricerca e sviluppo. La quota è più bassa tra le donne: 3 su 10 sono impegnate in attività lavorative per nulla connesse alla ricerca. Le aree disciplinari associate ai redditi più alti sono le Scienze mediche, Scienze fisiche, Ingegneria industriale e dell’informazione, Scienze economiche e statistiche e Scienze giuridiche: a sei anni dal conseguimento del titolo il reddito netto mediano mensile supera i 1.900 euro. Più contenuti (in media tra 1.400 e 1.450 euro) sono invece i redditi dei dottori in Scienze dell’antichità, filologico-letterarie e storico-artistiche e in Scienze storiche, filosofiche, pedagogiche e psicologiche.

Le materie dei dottori di ricerca all’estero: fisica, matematica o informatica. All’estero migrano soprattutto i dottori di ricerca nelle Scienze fisiche (31,5% dei dottori italiani che vivono all’estero) e nelle Scienze matematiche o informatiche (22,4%); molto meno rappresentati tra quelli che vivono all’estero sono invece i dottori in Scienze giuridiche (7,5%) o in Scienze agrarie e veterinarie (8,1%). I Paesi preferiti sono, nell’ordine, Regno Unito (16,3%), Stati Uniti d’America (15,7%), Francia (14,2%). (ADNKRONOS)

Vuoi lasciare un commento? | 0

I commenti sono chiusi.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127