7 Ottobre 2014

Russia, otto anni fa l’omicidio di Anna Politkovskaja. Condannati i presunti killer, mentre mancano all’appello i mandanti

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Dure condanne per tutti gli imputati e due ergastoli. Si è concluso così, il 9 giugno 2014, il terzo processo per l’omicidio della giornalista russa di opposizione Anna Politkovskaia, freddata a colpi di pistola il 7 ottobre di otto anni fa nell’ascensore dell’edificio di Mosca in cui abitava. Ma nonostante la sentenza di oggi, non è ancora stata fatta piena luce sull’omicidio di una reporter estremamente “scomoda” per il Cremlino, e gli investigatori devono ancora individuare il mandante, o i mandanti, dell’omicidio.

La tomba di Anna Politkovskaja (moscow-tombs.narod.ru)

La tomba di Anna Politkovskaja (moscow-tombs.narod.ru)

Condannati i presunti killer ed i complici, ma a mancare sono ancora i mandanti. Il giudice Pavel Melekhin ha condannato al carcere a vita il presunto killer Rustam Makhmudov e suo zio Lom-Ali Gaitukayev, accusato di essere l’organizzatore del delitto. Entrambi sono ceceni, così come i fratelli di Rustam Makhmudov, Dzhabrail e Ibraghim, indicati come complici per aver pedinato la vittima e avvertito il killer del suo arrivo, e che sono stati condannati rispettivamente a 14 e 12 anni di reclusione. Dovrà restare invece in carcere per vent’anni l’ex dirigente della polizia moscovita Serghiei Khadzhikurbanov, un altro presunto organizzatore del delitto. Si tratta di pene un po’ meno severe di quelle a cui puntava la pubblica accusa, che oltre ai due ergastoli aveva chiesto condanne da 15 ai 22 anni per gli altri imputati, ma i cinque condannati continuano a respingere ogni accusa e durante la lettura della sentenza non si sono alzati in segno di protesta. Mentre l’avvocato della difesa ha già annunciato ricorso in appello. Il giudice ha invece soddisfatto la richiesta dei familiari della Politkovskaia di un risarcimento da cinque milioni di rubli (poco più di 100.000 euro).

Secondo il figlio Ilià ed il vicedirettore di “Novaia Gazeta”, le indagini devono proseguire fino alla cattura del mandante. In ogni caso resta da capire chi ha voluto e ordinato la morte della Politkovskaia, una giornalista sempre pronta a denunciare la deriva autoritaria del governo di Vladimir Putin e i tanti abusi commessi dalle forze russe in Cecenia. Subito dopo la sentenza, uno dei figli della reporter, Ilià, ha sottolineato che “la cosa più importante” è proprio trovare il mandante dell’assassinio, e che finché questo aspetto fondamentale non sarà chiarito non potrà mai dirsi “soddisfatto”. La pensa così anche Serghiei Sokholov, vice direttore del bisettimanale della Politkovskaia “Novaia Gazeta”, secondo cui le indagini devono proseguire finché non verrà trovato il mandante.

La situazione processuale in riferimento ai killer ed ai loro complici. Nel primo processo, iniziato nell’ottobre del 2008 e terminato nel febbraio del 2009, Ibraghim e Dzhabrail Makhmudov erano stati assolti per insufficienza di prove assieme a Khadzhikurbanov, mentre Rustam era ancora latitante e Gaitukayev era stato ascoltato come testimone. Poi la Corte suprema aveva annullato la sentenza per gravi vizi procedurali e pochi mesi dopo, accogliendo un ricorso della famiglia della reporter, aveva sospeso il processo bis appena iniziato, inviando gli atti alla procura per unificarli con l’inchiesta sul mandante e sul presunto killer, Rustam Makhmudov, arrestato nel frattempo in Cecenia. Nel dicembre del 2012, in un altro processo, un ex tenente colonnello della polizia, Dmitri Pavliucenkov, è stato condannato a 11 anni per aver organizzato il pedinamento della Politkovskaia e fornito l’arma al killer in cambio di 150 mila dollari. (ANSA)

Vuoi lasciare un commento? | 0

I commenti sono chiusi.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127