EMERGENZA CORONAVIRUS (ATTIVITÀ APERTE E CONSEGNE A DOMICILIO ) Segnalaci la tua attività Guarda tutte le attività
18 Luglio 2014

Microsoft licenzia buona parte del personale: tagli per oltre 18mila posti di lavoro

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Maxi-ristrutturazione con tagli per 18mila posti di lavoro per il colosso del software Microsoft, che ha annunciato un piano di semplificazione delle proprie attività e di riallineamento della propria strategia alla luce della recente acquisizione di Nokia Devices and Services. Proprio questa operazione porterà all’eliminazione di circa 12.500 posti come risultato delle sinergie con la divisione Nokia. Le azioni dovrebbero essere avviate entro il prossimo 31 dicembre e completate entro il 30 giugno 2015.

(computerwoche.de)

(computerwoche.de)

La spiegazione del colosso di Redmond sui licenziamenti. Il gruppo prevede di sostenere, in base al piano, oneri ante imposte fra 1,1 e 1,6 miliardi di dollari nei prossimi quattro trimestri. Di questi fra 750 e 800 milioni per costi di fine rapporto e fra 350 e 800 milioni di oneri patrimoniali. Un processo “difficile ma necessario” con l’obiettivo di essere “più agile e più veloce” ha spiegato l’ad del colosso di Redmond Satya Nadella in una lettera ai dipendenti. Modalità e obiettivi della maxi-ristrutturazione saranno illustrati più in dettaglio il prossimo 22 luglio. Il “riallineamento” della forza lavoro avverrà in maniera “consapevole e trasparente” mentre la semplificazione delle operazioni punta a “ridurre i livelli di management e ad accelerare il flusso di informazioni e delle decisioni”.

Il commissario Ue all’Occupazione, Laszlo Andor, ha chiesto di incontrare i vertici di Microsoft. “Ho chiesto di incontrare i rappresentanti di Microsoft il più presto possibile al fine di ottenere maggiori informazioni sugli esuberi programmati e sulle misure per alleviare le conseguenze sociali”, ha spiegato. Il commissario Ue intende anche “verificare come mobilitare i finanziamenti comunitari a sostegno dei lavoratori interessati” dai licenziamenti. Andor spiega di prendere atto dell’impegno di Microsoft a lavorare con i rappresentanti dei lavoratori e dei governi interessati, “al fine di sostenere il reimpiego dei lavoratori interessati in altre parti della società o altrove. Le autorità nazionali e regionali competenti possono inoltre accedere al sostegno comunitario per la riqualificazione e il reinserimento lavorativo attraverso il Fondo sociale europeo e il Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione, nel caso in cui siano rispettate le condizioni applicabili”. (ADNKRONOS)

Vuoi lasciare un commento? | 0

I commenti sono chiusi.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127