7 Giugno 2014

Milano, aumentano nel fiume Lambro i “contaminati emergenti”. Nel Po 7 chili al giorno di residui di farmaci

Tempo medio di lettura: 3 minuti

L’acqua del rubinetto a Milano è buona, ma aumentano i “contaminanti emergenti” soprattutto nelle acque di superficie. Solo nel fiume Lambro, dopo l’attraversamento della città e prima di gettarsi nel Po, i residui di farmaci, in un giorno, aumentano di quasi 6 volte.

Il fiume Labro, nella periferia milanese (digilander.libero.it)

Il fiume Labro, nella periferia milanese (digilander.libero.it)

Nel “Grande Fiume” ne finiscono così circa 2,5 tonnellate in un anno, 7 chili al giorno, un terzo dei quali attribuibili proprio ai residui milanesi. E’ quanto emerge da uno studio dell’Istituto di Ricerche Farmacologiche “Mario Negri”, co-finanziato dalla Fondazione Cariplo e condotto dall’Istituto diretto da Silvio Garattini in collaborazione con la società Metropolitana Milanese che gestisce a Milano il Servizio idrico integrato. La ricerca ha studiato i contaminanti definiti “emergenti” sia nelle acque sotterranee (fra cui quelle potabili), sia in quelle superficiali, come i fiumi, nella Provincia di Milano.

Si tratta di un numeroso gruppo di sostanze, appartenenti a varie classi chimiche, in genere prodotte dalle attività antropiche, industriali o agricole, che contaminano le acque superficiali e profonde delle zone maggiormente abitate e che non sono regolamentati o normati. Il progetto ha campionato le acque di prima, seconda e terza falda, le acque a monte e a valle dei tre depuratori milanesi e quelle dei fiumi sia in ingresso che in uscita da Milano. Fra i contaminanti emergenti sono stati ricercati una serie di composti che appartengono a diverse classi di sostanze quali farmaci e ormoni naturali e sintetici, droghe d’abuso e sostanze correlate, disinfettanti, prodotti per la cura della persona, sostanze chimiche impiegate per deodoranti, creme e cosmetici, composti perfluorurati, elasticizzanti e contaminanti di origine antropica quali caffeina, nicotina e alcuni dei loro principali metaboliti.

Il Lambro, in particolare, dopo aver attraversato il territorio milanese e fino allo sbocco nel Po presenta un altissimo carico inquinante a cui si aggiungono i cosiddetti “contaminanti emergenti”. Per i farmaci, ad esempio, è stato calcolato un valore un carico di circa 1 kg al giorno (considerando la somma di tutti i farmaci) già presente nelle acque dei fiumi in entrata a Milano, a cui si aggiungono circa 2,7 kg residuanti nelle acque depurate dei tre depuratori cittadini e altri 2,8 kg che sono presumibilmente riversati nelle acque del reticolo fluviale al di fuori della città di Milano o direttamente nel Lambro, soprattutto nella zona sud della Provincia del capoluogo lombardo.

“I risultati della ricerca escludono qualsiasi rischio in relazione alla qualità e alla sicurezza delle acque potabili sulla base dei parametri fissati dalla legge – commenta Ettore Zuccato, Capo del Laboratorio di Tossicologia della Nutrizione dell’Istituto di Ricerche Farmacologiche ‘Mario Negri’ -. La ricerca ha tuttavia evidenziato che tra le diverse falde si cominciano a vedere delle connessioni, probabilmente dovute anche ai diversi interventi dell’uomo nel sottosuolo, che favoriscono il passaggio anche dei ‘contaminanti emergenti’, la cui dimensione in superficie è in rilevante crescita. Mettere a punto strategie di protezione permetterà di prevenire i problemi, anziché doverli affrontare in eventuali situazioni di contaminazione diffusa”.

“In profondità, ad esempio – aggiunge Enrico Davoli, Capo del Laboratorio di Spettrometria di Massa dell’Istituto di Ricerche Farmacologiche ‘Mario Negri’ – sono state trovate tracce di carbamazepina, un farmaco antiepilettico e antidolorifico, la cui molecola non degrada. Negli ultimi anni, fortunatamente, è cresciuta una particolare attenzione sui cosiddetti contaminanti emergenti, quali farmaci, ormoni, droghe e sostanze chimiche, molte delle quali di uso domestico. Oggi gli ‘emergenti’ vengono particolarmente studiati per vedere come cercare di controllarne le emissioni e, dove possibile, rimuoverli dall’ambiente”. “Lo sviluppo della ricerca – conclude Sara Castiglioni, Capo dell’Unità di Biomarkers Ambientali dell’Istituto di Ricerche Farmacologiche ‘Mario Negri’ -, consentirà di effettuare una accurata valutazione del rischio ambientale dell’inquinamento delle acque superficiali e del rischio per la salute correlato al tipo e al livello di inquinamento rilevato nelle acque di falda e potabili”.

(agi.it)

Vuoi lasciare un commento? | 0

I commenti sono chiusi.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127