EMERGENZA CORONAVIRUS (ATTIVITÀ APERTE E CONSEGNE A DOMICILIO ) Segnalaci la tua attività Guarda tutte le attività
3 Aprile 2020

Il 3 aprile 1980 nasceva Pac-Man: ha scritto la storia dei videogiochi

Tempo medio di lettura: 2 minuti

(biografieonline.it) Ha spopolato durante gli anni Ottanta. Ha avuto innumerevoli tentativi di imitazione. E’ diventato un’icona, rappresentante dell’intero settore dell’industria dei videogiochi. Partorito dalla mente del programmatore giapponese Tohru Iwatani, allora dipendente della Namco, Pac-Man è un videogioco che ha fatto la storia dei videogiochi.

L’origine di Pac-Man è molto curiosa: Tohru Iwatani ebbe infatti l’ispirazione durante una cena con degli amici guardando una pizza a cui era stata tolta una fetta. Dopo poco più di un anno da quella pizza, un team di sviluppo di otto persone tra sviluppatori e tecnici hardware diede alla luce il primo Pac-Man. Pubblicato dalla statunitense Midway Games, Pac Man compare per la prima volta nel formato arcade da sala il giorno 3 aprile 1980. La diffusione e insieme la popolarità in pochi anni raggiungono livelli altissimi; Namco si dedica alla produzione del software in varie versioni, per la quasi totalità delle console e dei computer. Dal 1980 al 1987 l’azienda Namco realizza più di 300 mila macchine, vendendo nel contempo un numero imprecisato di milioni di pupazzi e gadget vari.

Con il successo del videogioco anche la sua storia software si è evoluta. Le prime versioni infatti peccavano di prevedibilità: i fantasmini, acerrimi nemici di Pac-Man, seguivano uno schema fisso di movimenti, tanto che per il giocatore risultava eccessivamente facile risolvere la partita. Con le versioni successive allora i programmatori hanno inserito degli schemi aleatori per i movimenti dei quattro fantasmi, creando inoltre una personalità per ognuno di loro. La misura del successo di Pac-Man si nota anche in campo televisivo, dove gli storici produttori statunitensi Hanna & Barbera danno vita a una serie di cartoni animati con Pac-Man come protagonista.

La diffusione del gioco nelle case private parte nel marzo del 1982 quando Atari inizia la conversione di Pac-Man per la sua console. L’operazione si rivela un insuccesso per Atari, che investe molti soldi per i diritti senza riuscire a recuperarli. Le cause sono molteplici, la principale è il notevole abbassamento della qualità del gioco causato dall’adattamento del software. Ciò non ferma la popolarità di Pac-Man che verrà riproposto per ogni tipo di console o dispositivo anche nei decenni successivi.

Si contano a centinaia i giochi che hanno riproposto Pac-Man come protagonista o come semplice comparsa al loro interno, così come i cloni realizzati soltanto per sfruttare i vantaggi commerciali derivati dall’immagine del già famoso Pac-Man.

Conosciuto in Giappone come Puckman, termine che significa “chiudere e aprire la bocca”, il nome è stato cambiato in Pac-Man per la commercializzazione negli USA. In Brasile il gioco viene chiamato dai ragazzi Come-Come, che significa “mangia-mangia”. In Spagna si chiama Comecocos, “mangia fantasmi”.

Argomenti:

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127