14 Dicembre 2019

Compie oggi 54 anni Vinicio Capossela, cantautore e poeta contemporaneo

Tempo medio di lettura: 2 minuti

(biografieonline.itVinicio Capossela nasce il 14 dicembre 1965 ad Hannover, in Germania. Arriva presto in Italia e dopo una breve esperienza al Conservatorio e un precario impiego come suonatore di piano su navi, night club di riviera e pub newyorkesi, avviene l’incontro con Francesco Guccini e con il produttore Renzo Fantini.

E’ il 1990 e per Capossela è il primo contratto discografico, dal quale nasce “All’una e trentacinque circa”, album che vanta il premio come migliore opera prima, assegnatogli dal Club Tenco.

L’anno successivo esce il secondo album, “Modì”, che porta l’artista in tutta Italia con il suo primo tour, mentre nel 1992 avviene l’incontro con il cinema. Capossela accetta una piccola parte nel film di Staino e Altan “Non chiamarmi Omar”, la cui colonna sonora è tratta dallo stesso “Modì”.

Il 1993 gli riserva una nuova esperienza: Paolo Rossi lo vuole come attore e autore delle musiche nel suo spettacolo teatrale itinerante Pop e Rebelot; una collaborazione, quella tra Capossela e Rossi, che si ripresenterà anche con Milanin Milanon.

Nello stesso anno il Club Tenco lancia un disco tributo a Vladimir Visotski, dal titolo “Il volo di Volodja” e Capossela non perde l’occasione per lasciare la sua impronta con il brano “Il pugile sentimentale”.

Le continue conferme che fioccano sulla sua vita artistica gli danno nuovi stimoli, e nel 1994 nasce il terzo album “Camera a sud”. Il 1995 trascorre tra concerti memorabili, come quello al Teatro de la Ville di Parigi, che registra il tutto esaurito. Nella primavera del 1996, Vinicio inizia le registrazioni del quarto album, “Il ballo di San Vito”, la cui promozione sarà motivo di due grandi concerti a Roma e Milano, nei quali Capossela si avvarrà del contributo musicale di Marc Ribot alla chitarra.

L’anno successivo parte da Lodigiano il tour teatrale de “Il ballo di San Vito”, nel corso del quale verranno realizzati alcuni filmati dai quali prenderà corpo in breve tempo un homevideo dal titolo “Liveinvolvo”. “Liveinvolvo” sarà anche il titolo del suo quinto album registrato con il supporto musicale della Kokani Orchestrar, mentre il 6 ottobre del 2000 esce il sesto album “Canzoni a Manovella”, da lui stesso prodotto con la collaborazione di Pasquale Minieri. Quest’ultimo album vanta la partecipazione di grandi nomi, tra i quali Marc Ribot, Ares Tavolazzi, Roy Paci, Pascal Comelade, e, come se non bastasse, ospita anche una soprano giapponese, Mayumi Torikoshi.

Dopo la raccolta “L’indispensabile” (2003) esce nel 2006 l’album “Ovunque proteggi” per il quale Capossela vince un premio Tenco e nel 2008 “Da solo”. Artista poliedrico, Capossela nel 2009 ha partecipato come attore e cantante nel film Dieci inverni di Valerio Mieli, che ha partecipato alla 66ª Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia.

Numerosissimi i concerti, i premi e le riconoscenze ricevute dal cantautore. Nel 2011 esce “Marinai, profeti e balene” e diventa cittadino onorario del comune di Patù, in provincia di Lecce. Nel 2013, nell’ambito del Bellaria Film Festival, viene conferita a Capossela la cittadinanza onoraria di Bellaria Igea Marina (Rimini). Qui Vinicio aveva ottenuto il suo primo ingaggio come cantautore presso lo storico locale Pjazza, nel lontano 1989.

Dal 2013 Vinicio Capossela è inventore e direttore del Calitri Sponz Fest. Il 4 marzo 2016, anticipata dal brano “Il Pumminale“, era programmata l’uscita di Canzoni della cupa, decimo album del musicista prodotto dalla sua casa discografica – La Cùpa – e distribuito da Warner Music. L’uscita del disco è stata poi rimandata al 5 maggio 2016 a causa di problemi di salute dal cantautore che si è dovuto sottoporre ad un delicato intervento chirurgico alle corde vocali.

Argomenti:

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127