21 aprile 2017

Luino si proietta nel futuro, Pellicini: “500-600 parcheggi all’ex area Visnova e pedonalizzazione del centro”

AlpTransit rivoluzionerà l’urbanistica luinese e, sfruttando questa occasione, anche il centro del paese lacustre potrebbe trasformarsi completamente. Ad annunciarlo è il sindaco Andrea Pellicini che, dopo la Commissione Territorio di mercoledì, torna a parlare del futuro della città tra chiusura dei passaggi a livello, sottopassi e, soprattutto, un’area di sosta di 500-600 posti alla ex Visnova, che permetterebbe la pedonalizzazione del centro con la variante del piano del governo del territorio.

Il sindaco di Luino, Andrea Pellicini

Luino si proietta nel futuro, Pellicini: “500-600 parcheggi all’ex area Visnova e pedonalizzazione del centro”. “Lo schema di convenzione tra Comune, Regione, Provincia ed RFI, che verrà discusso in consiglio comunale il prossimo 2 maggio prevede la realizzazione di un sottopasso carrabile, della larghezza di 7 metri, con accanto un percorso ciclopedonale di 3 metri, quale opera viabilistica sostitutiva alla chiusura del passaggio a livello di via Voldomino (che avverrà una volta terminati i lavori del sottopasso) – spiega il sindaco di Luino, Andrea Pellicini -. La convenzione prevede inoltre la realizzazione di una strada a senso unico che collegherà la Via San Pietro alla Via Bernardino Luini al fine di bypassare il passaggio a livello ancora presente alle spalle dell’istituto scolastico di Maria Ausiliatrice. Il sottopasso sarà realizzato in prossimità di quello pedonale già esistente in via Cairoli e metterà in diretto contatto la rotonda dell’ospedale con la Via 25 Aprile, consentendo a chi proviene dalla Valcuvia di arrivare direttamente nel cuore di Luino, senza passare di fronte al nostro nosocomio o dal lungolago. Al posto di un passaggio a livello spesso chiuso, vi sarà un varco sempre aperto a due corsie”.

“L’obiettivo – continua Pellicini – è però quello di fermare il numero maggiore di macchine nell’aera della Visnova con la previsione di un’area di parcheggio libero e gratuito per circa 500-600 autovetture (oggi detto parcheggio, in base ad una convenzione con la proprietà dell’area, è aperto soltanto il mercoledi, per il giorno del mercato). Da qui, attraverso il percorso ciclopedonale, si potrà arrivare a piedi in centro in cinque minuti, con più salubrità e meno smog.

Con meno macchine in centro, si potrà realizzare un altro grande obiettivo: la pedonalizzazione, con un nuovo arredo urbano, di alcune vie dei negozi. Penso alle vie Vittorio Veneto, XV Agosto, Comi e Sereni. Certamente non tutte in una volta, ma con un graduale processo, che va modulato dal piano del traffico, discusso con i cittadini e con i portatori di interesse della zona, commercianti ed esercenti. La previsione di una vasta area di pubblico e gratuito parcheggio alla Visnova assume quindi un’importanza strategica per la città. Si cercherà di raggiungere questo obiettivo nell’ambito della variante del piano del governo del territorio, il cui procedimento è già iniziato con il conferimento dell’incarico all’architetto Giuliani, estensore della proposta di PGT approvata dal Consiglio Comunale nel 2013″.

Le opere di valorizzazione del lungolago di Luino, che hanno convertito l’area da luogo di sosta a pedonale, hanno senza dubbio ingentilito la cornice naturalistica del territorio, rinvigorendone l’aspetto a vantaggio di turisti e di cittadini. Ora le sfide da affrontare per l’amministrazione sono tante e il confronto con la proprietà dell’ex area Visnova è solo all’inizio. L’attenzione dovrà essere massima per permettere una trasformazione che, sommata ad incentivare turismo e la creazione di strutture alberghiere, possa rilanciare definitivamente il paese lacustre.