10 gennaio 2017

Mondiali di calcio a 48 squadre: dal 2026 al via la rivoluzione, aumenteranno i guadagni

Martedì il consiglio della FIFA ratificherà il passaggio al Mondiale a 48 squadre: una rivoluzione che porterà in dote un consistente aumento dei ricavi, ma soprattutto una rivoluzione che sta già facendo discutere. L’agenzia AFP prevede guadagni per 605 milioni di euro circa.

(football-new.com)

(football-new.com)

Mondiali di calcio a 48 squadre: dal 2026 al via la rivoluzione, aumenteranno i guadagni. Il consiglio della Fifa riunito a Zurigo ha ratificato all’unanimità l’allargamento delle squadre partecipanti alla fase finale dei Mondiali di calcio che dal 2026 saranno 48. Le 48 Nazionali, secondo il progetto della Fifa, verranno divise in 16 gironi da 3 squadre con un incremento del numero delle partite dalle attuali 64 a 80. Le prossime due edizioni dei mondiali, Russia 2018 e Qatar 2022, si svolgeranno ancora con il vecchio format a 32 squadre.

La proposta era stata presentata dal presidente della federcalcio mondiale Gianni Infantino. Secondo l’agenzia francese AFP, la quale ha consultato in anteprima un rapporto confidenziale della FIFA, la nuova formula comporterà un guadagno complessivo dell’ordine di 605 milioni di euro: dagli attuali 3,35 miliardi di euro i ricavi aumenterebbero a 3,95 miliardi. Stando allo studio dell’AFP gli introiti televisivi aumenterebbero di 480 milioni di euro mentre quelli del marketing 350 milioni. Alla base dell’allargamento del numero di squadre partecipanti ci sarebbero dunque motivazioni prettamente economiche, oltre alla “felicità delle nuove Nazioni coinvolte” citata dal numero uno della FIFA Gianni Infantino.