8 Gennaio 2014

Ecomafia e “delitti ambientali”: l’appello del Wwf per il Codice dell’Ambiente

Tempo medio di lettura: 2 minuti

L’associazione ambientalista vuole accelerare i lavori parlamentari per colpire duramente inquinatori e criminalità organizzata.

Una discarica nei pressi del "Triangolo della morte" (ilfattovesuviano.it)

Una discarica nei pressi del “Triangolo della morte” (ilfattovesuviano.it)

“Per fermare mafia e inquinatori, occorre adeguare il Codice dell’Ambiente con un apposito titolo sui ‘Delitti ambientali’ e su questo serve l’autorevole intervento del presidente Napolitano sul Parlamento italiano perché si converga al più presto su testi che già hanno avuto un consenso bipartisan”. E’ questo l’appello del Wwf che ha partecipato questa mattina all’Audizione promossa dalla Commissione Ambiente della Camera dei Deputati sul decreto legge sulle emergenze ambientali e industriali quali Terra dei fuochi e Ilva.

Per il Wwf è importante che il presidente Napolitano abbia richiamato l’attenzione del Paese sulla serietà del fenomeno noto come “Terra dei Fuochi” chiedendo alle istituzioni di non abbassare la guardia e dichiarando a Don Patriciello, nella lettera inviata il 3 gennaio scorso, che il presidente della Repubblica assicura il suo “costante impegno a sollecitare, a tutti i livelli di governo, gli interventi necessari”. Tra questi, oltre la mappatura del territorio e l’individuazione della aree maggiormente inquinate il Wwf sottolinea come, oltre al reato di combustione illecita dei rifiuti previsto dal decreto, sia giunto il momento per colpire duramente gli inquinatori e la criminalità organizzata che sia fatto un intervento organico di adeguamento del Codice Penale introducendo uno specifico titolo ai ‘Delitti contro l’ambiente’.

Il Wwf ha consegnato ai membri della Commissione ambiente della Camera dei Deputati un testo di osservazioni e richieste di miglioramenti del decreto ‘emergenze ambientali e industriali’ e chiesto durante l’audizione di questa mattina al Parlamento di continuare a vigilare per l’attuazione concreta e rapida di politiche di bonifica, di risanamento ambientale e rilancio economico sia delle aree interessate dal fenomeno ‘terra dei fuochi’ sia dell’Ilva e di prestare maggiore attenzione alla partecipazione dei cittadini a questi processi.

– Legambiente: “Terra dei Fuochi, dal 1991 sversate 10 mln di tonnellate di veleni”

– La Terra dei Fuochi, dove l’aria non si respira più

Vuoi lasciare un commento? | 0

I commenti sono chiusi.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127