6 Gennaio 2014

Lo snowboard ed il meglio del 2013

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Divenuto olimpico nel 1998, è uno tra gli sport invernali più spettacolari sulla neve. Ecco la sua storia ed il meglio del 2013.

La pratica del freeride (chioggiatv.it)

La pratica del freeride (chioggiatv.it)

La storia dello snowboard. Il primo snowboard moderno è considerato lo snurfer (nome che fonde snow e surfer), costruito dall’ingegnere Sherman Poppen per far divertire i figli. L’intento iniziale dell’ingegnere era di produrre una versione casalinga del monosci, ma i figli lo “cavalcavano” trasversalmente dando così l’idea di surfisti sulla neve e così l’inventore pensò di adattare un vero surf da onda aggiungendo dei bordi metallici e di brevettare l’attrezzo col nome, appunto, di snurfer. Nel 1979 si tenne al Pando Ski Lodge, nel Michigan, il primo World Snurfing Championship (Campionato mondiale di snurfing) a cui partecipò anche Jake Burton Carpenter con una tavola di sua costruzione. Tuttavia ci furono molte proteste per la sua partecipazione alla gara con una tavola diversa dallo snurfer, venne perciò istituita una sezione a parte, che fu ovviamente vinta da Carpenter, in quanto unico partecipante. Quella gara è considerata la prima vera gara di snowboarding. Durante gli anni settanta e ottanta diversi progettisti rimaneggiarono lo snurfer creando vari modelli con nomi diversi. Alcune migliorie resero gli snurfer più manovrabili, come cinghie per i piedi e flex migliorati, ma fu solo dopo anni di ricerche che il giocattolo diventò un attrezzo sportivo. Fu una visita di Burton in Austria ad alcune aziende sci che accese l’intuizione: la tavola doveva necessariamente prendere spunto da questa tecnologia per fare il passo decisivo. Soletta in P-Tex prima, costruzione sandwich e lamine poi, portarono lo snowboard verso l’età adulta e lo proiettarono al di fuori dei campi innevati e verso le stazioni sciistiche. Fondamentale, ad inizio anni ottanta, fu l’invenzione di uno spoiler posteriore per l’attacco, di Jeff Grell, a permettere la conduzione della tavola sulla neve ghiacciata, grazie ad un feeling e ad una risposta decisamente migliori.

Esistono due fondamentali distinzioni che nascono dalla tipologia di attrezzatura utilizzata: il soft e l’hard. Soft significa uso di attrezzatura morbida, ovvero scarponi cedevoli e deformabili, tavole flessibili e bidirezionali, attacchi permissivi e tendenzialmente elastici. All’interno di questa categoria possiamo distinguere due principali specialità: il freestyle e il freeride. Freestyle è la disciplina più spettacolare dello snowboarding e per molti anche la più divertente. L’obiettivo di questo stile è di eseguire manovre (trick) ed evoluzioni sfruttando la conformazione del terreno o le strutture artificiali (salti, ringhiere, piattaforme ecc.). Per la messa in pratica molte stazioni sciistiche mettono a disposizione zone appositamente progettate dette snowpark. Ha molto in comune con lo skateboard (disciplina dalla quale eredita strutture come l’half-pipe o i rails) e la maggior parte delle competizioni è dedicata a questo stile. Freeride è la disciplina più profonda e più pura dello snowboarding; consiste nello scendere un pendio in neve fresca seguendo liberamente una propria linea. Il freeriding, che sia alpinismo o che sia semplice fuoripista servito dagli impianti di risalita, è un’attività che comporta dei rischi in base alle condizioni della neve ed al pericolo valanghe. Hard significa invece uso di attrezzatura rigida. È la disciplina maestra dello snowboard a livello di tecnica e conduzione della tavola in pista. Praticato su neve ben battuta come sulle piste sciistiche, questo stile richiede scarponi rigidi simili a quelli utilizzati nello sci alpino e tavole direzionali più rigide di quelle usate per gli altri stili. La sua espressione agonistica è lo slalom.

http://www.youtube.com/watch?v=Zl6xwuBJVIY

Vuoi lasciare un commento? | 0

I commenti sono chiusi.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127